FONDI STRUTTURALI UE

Nelle ultime settimane in alcuni incontri pubblici taluni europarlamentari hanno asserito che l’Italia per incapacità restituirebbe meta dei Fondi strutturali comunitari che le spettano  e che quindi era necessario un cambio di marcia per riuscire ad utilizzarli tutti,.
Voglio solo con questo post rassicurare tutte le persone interessate che grazie al lavoro di coordinamento svolto dal Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica, ed in particolare dall’Agenzia per la Coesione Territoriale istituita con DPCM del 9 luglio 2014, le cose non stanno così.
Come è evincibile dal sito OpenCoesione    la spesa complessiva relativa All’insieme dei Programmi non agricoli ( FESR, FSE, FSC, PAC ) al 31 10 2015 era superiore al 90 %   
Su  detto sito si possono trovare tutte le informazioni sui Programmi in oggetto.
Per quanto concerne i fondi agricoli, siamo mediamente oltre il 98 % come si può evincere dall’allegato della Rete rurale nazionale, che trovate anche sul sito http://www.reterurale.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/15809 
Altre informazioni sui Fondi e Programmi agricoli li trovate su http://www.europarl.europa.eu/atyourservice/it/displayFtu.html?ftuId=FTU_5.2.2.html

In allegato il report della Rete rurale nazionale con i dati dei PSR a fine dicembre 2015


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento