GIORNATA PER LE VITTIME DELL'IMMIGRAZIONE: PROTEGGERE LE PERSONE, NON I CONFINI

Proprio nella Giornata nazionale in memoria delle vittime dell'immigrazione, oltre 5.500 migranti, bordo di 36 barconi, sono stati soccorsi nel Canale di Sicilia dalle navi della Guardia Costiera, della Marina Militare e di organizzazioni non governative.
Sono passati tre anni da quel 3 ottobre 2013 quando 386 persone morirono a poche miglia da Lampedusa e la situazione è ancora al limite, con sbarchi che si susseguono e con tragiche morti che continuano ad accompagnarli.

Ogni giorno purtroppo un gruppo più o meno numeroso di anime piccole e grandi cercherà la salvezza via mare e non sempre la troverà. È una strage che procede silenziosa tra tentativi di soluzioni ancora non trovate e difficilmente attuabili. Solo quest'anno hanno attraversato il mar Mediterraneo oltre 300 mila persone, il 28% bambini, molti non accompagnati. 
Numeri impressionanti, numeri di fronte a cui non possono bastare le operazioni dei soccorritori in mare, così come è enorme la sproporzione tra il bisogno e le attività di chi a terra si prende cura di queste persone ferite, spesso nel corpo e sempre nel cuore e nello spirito. 

È una sfida grande, forse la più grande di questo nostro tempo. 
I cambiamenti geopolitici attuali stanno mettendo a dura prova i modelli di governo e gestione dei rapporti internazionali attuati finora, ma questo che ci piaccia o non è il nostro banco di prova: la civiltà occidentale deve trovare il coraggio di cogliere in questa situazione la  sfida per disegnare percorsi nuovi di apertura, di collaborazione reciproca, di supporto e gestione all’altezza della entità del fenomeno che siamo chiamati a fronteggiare.
La nostra civiltà e la sua capacità di adeguarsi alle sfide del presente è chiamata a farsi carico di problemi enormi che vengono da lontano nel tempo e nello spazio.

E’ illusorio pensare di poter erigere muri o serrare i confini, la storia ha già decretato il fallimento di queste scelte e di questi metodi.
L'Europa aveva stabilito di ricollocare i profughi in un ottica di solidarietà e di divisione dei pesi , e gli Stati hanno sottoscritto dei patti nel merito, ma oggi non tutti li stanno rispettando, è un atteggiamento grave e deleterio che rischia di minare le fondamenta dell’UE. 

L'Italia sta proseguendo nelle attività di soccorso, ma l'accoglienza deve coinvolgere tutta l’Europa, non solo un esiguo numero di Paesi europei. È indispensabile che sia condivisa una quota di responsabilità e lo sforzo di mettere in campo una risposta a queste persone bisognose, così come si condividono le risorse Ue finalizzate allo sviluppo in un ottica di solidarietà interna. 
Come scritto sul cartello alla testa del corteo che ha attraversato le strade di Lampedusa per concludersi davanti alla Porta d'Europa, il monumento costruito per commemorare i migranti morti in mare, è arrivato il tempo di "Proteggere le persone, non i confini". 




  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento