ILVA :LA GIUNTA REGIONALE INTERVENGA PER TUTELARE I LAVORATORI ILVA DEL PIEMONTE

UN ORDINE DEL GIORNO DEL CONSIGLIERE REGIONALE PD
GIACOMINO TARICCO

La Giunta regionale si mobiliti per impedire la chiusura degli stabilimenti piemontesi dell’Ilva di Novi Ligure e Racconigi.
Lo chiede in un ordine del giorno alla Giunta regionale il Gruppo PD in Regione Piemonte che è stato presentato nella giornata del 27/11/2012 e dovrebbe essere discusso nei prossimi giorni.
Mino Taricco esprime “grande preoccupazione per il futuro dei 1.000 lavoratori
piemontesi del Gruppo Ilva”, sottolineando come “l’eventuale chiusura degli
stabilimenti avrebbe forti ripercussioni negative sull’intera economia
piemontese”.
Il consigliere regionale aspetta “con fiducia l’incontro di domani convocato dal Presidente del Consiglio Mario Monti con le parti sociali e le istituzioni locali, consapevole che la chiusura dell’azienda Ilva priverebbe il nostro paese della principale azienda del settore siderurgico”.
“Non possiamo stare con le mani in mano ad assistere alla chiusura di stabilimenti importanti per il territorio piemontese”, conclude Taricco “
Se da una parte occorre trovare una soluzione che garantisca il diritto di oltre 5.000
lavoratori di Taranto di poter continuare a lavorare e agli abitanti della città di
vivere in un ambiente sano e non inquinato, non bisogna dimenticare realtà come quelle piemontesi di Novi e di Racconigi,così strategiche per i rispettivi territori e comunità.
Dalla Giunta regionale ci aspettiamo una iniziativa forte ed efficace”.


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento