IL JOBS ACT ED IL FUTURO DEL PAESE

Il PD sta cercando di cambiare un paese che attende da anni.


Il PD di Matteo Renzi sta cercando di cambiare il paese.


Abbiamo già approvato in pochi mesi il decreto Poletti sui tempi determinati, il decreto Madia sulla Pubblica Amministrazione, il decreto sulla Competitività, il decreto sugli 80 euro e sulle rendite finanziarie, e la legge delega fiscale, il rilancio dell’edilizia scolastica nelle scuole.


Abbiamo approvato norme sui tetti agli stipendi ai manager pubblici, sulla riduzioni delle auto blu, sui tetti ai permessi sindacali.


Abbiamo detto al paese, con la nostra azione, e con l’orizzonte che abbiamo disegnato, che vogliamo dare un futuro  all’Italia e agli italiani.


E gli italiani hanno capito  e convintamente hanno sostenuto, alle europee con il 40,8 per cento, e ci hanno conferito un grande mandato, di prendere per mano questo paese e di portarlo nel futuro.


Abbiamo messo in cantiere una straordinaria stagione di riforme, della scuola, della giustizia, delle Istituzioni, con la riforma istituzionale del Senato, del Titolo V , della legge elettorale.


In queste ore si è acceso un grande scontro sul “Jobs act”,  su alcune questioni di merito, ma  soprattutto si confronta con alcune grandi questioni culturali sull’idea di  lavoro e  di impresa, ancora aperte nel paese, e anche, o forse soprattutto,  nel Partito Democratico.


Ho sentito negli ultimi giorni e anche stasera nella Direzione nazionale del PD  tante strumentalizzazioni e tante letture  superficiali, vecchie, ideologiche e lontane dal lavoro quello vero, quello conquistato sul campo ogni giorno, e mi viene da chiedermi se molti di costoro abbiano mai lavorato veramente in vita loro.


Ho sentito parole condivisibili da Scalfarotto, dal ministro Poletti, da Renato Soru, da Piero Fassino, ma ho sentito anche tanto di stantio di difesa di visioni vecchie superate dalla realtà oggi e forse lo erano già anche in quella di ieri.


Come si fa a non prendere atto che in Italia oggi a fronte di quasi 7 milioni di lavoratori protetti dall’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori, vi sono quasi 5 milioni di lavoratori che lavorano in aziende al di sotto dei 15 dipendenti, che ovviamente non lo sono, quasi un milione di dipendenti a tempo determinato,  oltre 2 milioni di atipici e quasi tre milioni di disoccupati.


Come si fa a ignorare questi ultimi undici milioni di italiani.


Come si fa a continuare a pensare che lavoro ancora oggi sia solo quello dipendente, come si fa a pensare il lavoro possa ancora essere stabile e unico per tutta la vita,  come si fa a continuare a pensare alle imprese come ad un nemico e non invece agli artefici delle possibilità di lavoro, come si fa a non vedere che i paesi che crescono sono quelli che offrono opportunità e possibilità e non quelli che difendono il passato.


Il paese ha bisogno del nuovo PD che anche sulla discussione del  Jobs Act sta nascendo.


Buon lavoro al PD , buon lavoro al Governo,  a tutto il Parlamento e a Matteo Renzi, l’Italia ci guarda e ci chiede di non mollare,


 


Riporto alcune riflessione che possono aiutarci ad approfondire:


http://www.huffingtonpost.it/angela-mauro/minoranza-pd-lavoro-_b_5898900.html?utm_hp_ref=italy


 


 


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento