IL TRENO DELLA MEMORIA

Oggi in Consiglio regionale, dopo una manifestazione e ad un blocco stradale davanti allo stesso, si sono sospesi brevemente i lavori per premettere l’incontro dei Consiglieri con i giovani di Terra del Fuoco, l'associazione culturale che dal 2005 organizza ogni anno il Treno della memoria per portare circa 1.400 ragazzi piemontesi sui luoghi della più grande tragedia del ventesimo secolo.
L’incontro richiesto a seguito della scelta della Regione di tagliare il contributo annuale di 200 mila euro che dai tempi della giunta Ghigo viene assegnato a Terra del fuoco, per chiedere un ripensamento alla Giunta e per consegnare una lettera in tal senso indirizzata all'Assessore regionale Michele Coppola e al governatore Roberto Cota
Un documento in cui i firmatari spiegano che "la vera forza del Treno della memoria è riuscire a dare a tutti l'opportunità di fare un'esperienza senza gravare sulle famiglie". E poi citano la Costituzione: "Tagliare l'iniziativa vuol dire costruire dei reali "ostacoli di ordine economico e sociale, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini". Non vogliamo che siano i giovani a pagare gli errori di questa classe dirigente". E chiedono "con forza un ulteriore occasione di confronto" sul futuro del progetto.
Alla base dell'appello anche il fatto che per i Treni della memoria la Provincia e il Comune di Torino hanno messo sul piatto rispettivamente 10 mila e 35-45 mila euro.
Alla Regione ne sarebbero spettati 200 mila, ma non ci sono più .
L’assessorato alla Cultura della Regione ha invece deciso di azzerare i fondi per il progetto nato nel 2005 che coinvolge ogni anno quasi 3 mila ragazzi da tutta Italia e circa 60 volontari under 18, portandoli alle radici più dolorose del ‘900, il campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau.
Salva, invece, sarebbe l’esperienza ultratrentennale del Comitato per la difesa dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana. L’organo del Consiglio regionale, che si occupa dei luoghi europei dello sterminio e della Resistenza.
La lettera consegnata era firmata da molti intellettuali e accademici: Walter Barberis, Giovanni De Luna, Angelo Del Boca, Fabio Levi, Sergio Luzzatto, Aldo Agosti, Enrico Donaggio. E ancora, il soprintendente del Regio Vergnano, il regista Marco Ponti, il giurista Zagrebelsky, l’ex sindaco Diego Novelli e Tullio Levi, ex presidente della Comunità Ebraica , e aveva a seguire altre 10.000 firme .
Risultato finale: le rotte che davano la possibilità a migliaia di ragazzi di vivere quest’esperienza verranno dimezzate. «Senza i 200 mila euro il nostro progetto salta - dice Oliviero Alotto di Terra del Fuoco -. Ogni treno costa 120 mila euro, i ragazzi danno un contributo simbolico di 60 euro».
Speriamo che l’incontro di oggi aiuti ad un ripensamento .

Mino Taricco


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento