IMU

Nei giorni scorsi avevo espresso soddisfazione, anche mettendo sul sito e postando su Facebook, la mia gratitudine ai Ministeri Finanze e Agricoltura per  la emanazione del nuovo Decreto IMU che sembrava aver accolto le sollecitazioni esterne e risolto il problema.


Quella che, sulla base delle informazioni che avevamo ricevuto dal Mipaaf , e sulla base dei toni molto positivi  di molte organizzazioni  pensavamo fosse una soluzione equilibrata e sostenibile.


La soluzione adottata  è sicuramente un passo avanti  per il 2014 che ormai comunque non era più rinviabile.


L’aver fatto riferimento per l’esenzione alla classificazione dei comuni   all’elenco “dei comuni italiani predisposto dall’Istituto nazionale di statistica (ISTAT)”   e aver stabilito che comunque per il 2014non è, comunque, dovuta l’IMU per i terreni esenti in virtù del decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, di concerto con i Ministri delle politiche agricole alimentari e forestali e dell’interno, del 28 novembre 2014, pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 284 del 6 dicembre 2014 e che, invece, risultano imponibili per effetto dell’applicazione dei criteri di cui ai commi precedenti” crea una situazione di minor danno almeno per il 2014 e per il 2015 dovremo adesso vedere come  riuscire a correggere le storture che a mio giudizio vanno corrette.


Il criterio di “montanità” come  quello di altitudine non interpretano infatti compiutamente il valore dei terreni ai fini dell’applicazione di una imposta patrimoniale.


Così come  lo stabilire che tutto il territorio di un comune  “parzialmente montano” sia chiamato a  analogo trattamento, ai fini della applicazione della imposta,  è profondamente ingiusto, in quanto in un comune parzialmente montano vi sono aree montane  e aree che non lo sono, e ognuna di queste dovrebbe essere trattata per quello che è, e poi in molti casi montagna non vuol dire svantaggio, anzi in alcuni casi alcuni comuni di montagna hanno terreni con valori di molto superiori a quelli di altri comuni  classificati come  parzialmente montani.


Molte sono le incongruenze che a questo livello emergono anche nella nostra provincia.


La risoluzione che avevamo presentato rimane quanto mai di attualità per una corretta applicazione della norma a partire dal 2015.


 


http://www.minotariccoinforma.it/ita/legginews.asp?id=2551


http://www.minotariccoinforma.it/ita/legginews.asp?id=2550


Si allega:


-          Testo del decreto del 24 gennaio ‘15


-          Classificazione dell’ISTAT con l’indicazione che i comuni della provincia di Cuneo vanno dal n. 491 di Acceglio al n. 740 di Vottignasco


-          La mia risoluzione in Commissione


  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 2

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento