IMU

Il Senato ha approvato la conversione in Legge del decreto IMU sui terreni agricoli.


Il testo nel suo passaggio a Palazzo madama ha subito alcune modifiche importanti che hanno corretto molti dei difetti che erano contenuti nel decreto ministeriale del 28 novembre 2014.


In particolare, da 1.498 comuni totalmente esentati siamo passati a 3.456. Inoltre, saranno 655 i parzialmente esentati e, ancora, per oltre 1.600 comuni di "collina svantaggiata" gli agricoltori e gli imprenditori agricoli godranno di una detrazione standard di duecento euro.


Inoltre sono previsti i rimborsi o la compensazione dovuta ai contribuenti che hanno versato un'IMU maggiore del previsto o una tassa non dovuta  per ottenerlo però bisognerà fare formale richiesta secondo le regole ordinarie e informandosi presso gli sportelli degli uffici tributi comunali.


Il pagamento dell'IMU sui terreni agricoli sarà rinviata al 31 marzo senza il rischio di incorrere in alcuna sanzione o provvedimento da parte delle istituzioni contabili ed inoltre è
ammessa anche l'esenzione dei terreni agro silvo-pastrorali a proprietà indivisa.
Rimane a mio giudizio aperta la questione della  equità tra territori, tra diversi comuni nei medesimi territori, e tra territori diversi nello stesso comune.


Perché la norma sia equa bisognerà che  si ritorni alla Circolare del ’93 , modificandone i limiti accumulati nel tempo o a una classificazione similare  e poi alla revisione degli estimi che in molti casi sono superati da decenni.


Speriamo vi siano i margini per un miglioramento nel passaggio alla Camera o in un prossimo provvedimento.


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento