INTERVENTO DI MATTEO RENZI ALLA DIREZIONE PD

Matteo Renzi è intervenuto durante la Direzione nazionale del Partito Democratico: un discorso per fare il punto sulla situazione politica interna, spaziando però anche sui temi internazionali che stanno occupando la scena degli ultimi mesi e delle ultime settimane.


Il Presidente del Consiglio ha voluto ringraziare i senatori del Pd in questi giorni impegnati nella votazione della Riforma del Senato e del Titolo V della Costituzione.


Renzi ha voluto sottolineare come il lavoro di questi giorni di Palazzo Madama stia mettendo fine al bicameralismo perfetto e cercando di rinnovare il funzionamento politico del Paese.


Sempre a questo proposito, il Presidente ha poi respinto le accuse, ricevute negli ultimi giorni, di


deriva autoritaria, affermando che quello del Partito Democratico e del Governo non è un comportamento autoritario né nel merito né nel metodo: in questo senso, ha anche confermato l’intenzione di fare ricorso a un referendum confermativo rivolto ai cittadini al termine delle votazioni sulle Riforme Costituzionali, proprio per dare agli italiani la possibilità di esprimersi su questo tema.


Il discorso si è poi indirizzato sulla politica estera, che sta vivendo un periodo particolarmente complesso. In Primo luogo la Russia, a proposito della quale il Presidente ha voluto sottolineare la necessità sia di tenere aperto il canale del dialogo, per non cadere nei toni da Guerra Fredda di alcuni decenni fa, sia di non poter rinunciare a valori non negoziabili come quello della libertà.


Ma, oltre a questo, anche la questione israelo-palestinese, per la quale la migliore soluzione


sembra essere quella rappresentata dalla proposta egiziana, la situazione libica e, più in generale, quella africana.


Dalla politica internazionale, poi, è approdato alla questione europea, sottolineando il bisogno di un forte ritorno, al centro della scena comunitaria, della politica: un’Europa alla quale infatti serve, secondo le parole di Renzi, un modello nuovo di politica economica, a partire dalla crescita, utile non soltanto ai singoli Stati ma, al contrario, alla Comunità intera.


Infine, il discorso è ritornato sull’Italia e sulle riforme a partire dalle Istituzioni e dalla politica: in particolar modo, sulla legge elettorale, che approderà al Senato da settembre e per la quale Renzi ha annunciato la possibilità di alcune modifiche, come l’innalzamento della soglia del premio di maggioranza, la possibilità di discussione sulle preferenze, le soglie di sbarramento e la rappresentanza di genere. Sempre per quanto riguarda il mese di settembre, il Presidente del Consiglio ha annunciato poi la centralità del tema della scuola, partendo dall’ascolto rivolto al settore,  che si svilupperà lungo tre direttive: edilizia scolastica, contenuti e patto con il corpo docenti.


Un discorso ampio che ha riportato l’attenzione sulle priorità delle Istituzioni  sia nel nostro Paese sia a livello europeo ed internazionale: uno scenario in cui la sfida vera per il Pd è quella di assumersi la piena responsabilità è “portare il Paese fuori dalle sabbie mobili”.


Una sfida nella quale “l’Italia può guidare la ripresa dell’Europa”, ed in questa il Partito Democratico giocherà un ruolo centrale.


  Leggi Anche ...

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento