INVITO - NEWSLETTER

Carissimi amici,


a poche settimane dalla ripresa dei lavori, è davanti ai nostri occhi tutta la delicatezza e la complessità di questa stagione.


Una situazione quanto mai complicata  a livello planetario con tensioni crescenti, problemi e squilibri che stanno raggiungendo, in molte aree del mondo - punti di rottura difficilmente gestibili; situazioni che mettono a dura prova gli strumenti che la comunità globale si è data per affrontarle - ma anche nello spazio dell’UE, quelli che sembravano problemi di capacità di sviluppo di pochi paesi, si scoprono ogni giorno di più, come debolezze generalizzate che riguardano tutti i paesi (a partire dal nostro sicuramente, ma anche la Spagna che seppur con segnali di ripresa mantiene tassi di disoccupazione oltre il 20% , alla stessa Germania che vede pericolosamente rallentare la propria capacità di crescita).


Nel nostro Paese la situazione è particolarmente complessa.


Una difficoltà che riguarda la quotidianità del paese e che è evidente a ciascuno, anche in realtà territoriali come le nostre, che fino a non moltissimi mesi orsono, sembravano aver attraversato meglio, indenni o quasi, la pesante crisi di questi anni. In questo quadro, l’azione riformatrice del Governo Renzi ha innescato grandi speranze e ha fatto emergere anche  la resistenza al necessario cambiamento, da parte di tante componenti sociali ed economiche che ritenevano di non doverne essere oggetto.


Il percorso avviato è imponente:


dalla riforma del Senato, del Terzo settore, della Scuola, a quella del Lavoro ( il Jobs Act ) che sta infuocando in queste ore il dibattito politico e non solo.


Dopo decenni di parole e di colpevole immobilismo, si sta mettendo in campo un percorso riformatore forte e ambizioso per modernizzare il paese e per ridisegnarne il futuro.


E’ naturale che in questa situazione emerga un confronto sull’idea di paese che orienta le scelte, una questione che è prima culturale che politica.


In alcuni passaggi ed in molte posizioni è ravvisabile un serio confronto di merito per cercare soluzioni e per affinare proposte, ma in altre non è difficile intravedere la volontà di persone, o di gruppi organizzati, di voler soprattutto condizionare e depotenziare l’azione del Governo e del suo Presidente del Consiglio. Spesso con l’occhio più orientato a vicende interne al PD, o comunque all’ambito politico, che non alle concrete ricadute delle scelte verso il futuro dell’Italia e degli italiani.


Come già successo in passato, purtroppo è il “fuoco amico” uno dei  pericoli più grandi. Troppi di coloro che in questo paese si dicono impegnati per cercarne e tutelarne il “bene”, sono in realtà preoccupati più del loro futuro individuale o di gruppo.


Continua ad esserci anche nel PD una area che legge il consenso di Matteo Renzi  più come un problema che come una opportunità ed una risorsa per cambiare l’Italia e per cambiare l’Europa.


E sono purtroppo anche tanti coloro che si dicono,  a parole, favorevoli al percorso di riforme in atto, esprimendo però tali e tanti distinguo, da mettere in chiara evidenza oltre ad una oggettiva distanza culturale, anche gli orientamenti di fondo che stanno alla base della novità dell’azione riformatrice del PD di Renzi, percepita invece con speranza da tanti cittadini.


Per questo, nella convinzione che la sfida di cambiamento del nostro paese, è innanzi tutto una sfida ed un cambiamento culturale e di orizzonte valoriale,  che  si traduce poi in orientamenti e regole, è necessario agire anche su questo piano.


Più volte  ho avuto con molti di voi occasioni di incontro, da cui è emerso in modo evidente che siamo chiamati a sentire tutta  la responsabilità di rendere ragione delle nostre proposte e della nostra idea di paese, di spiegarne il senso e gli obiettivi.


Per parlare di tutto questo e per delineare un percorso di azione per i prossimi mesi, abbiamo deciso di indire una riunione per coloro che sono interessati   


                     Venerdì 3 ottobre alle ore 20,45 a Fossano


presso la Sala del C.A.P.


Centro Addestramento Professionale di via Germanetto, 3


 


Siete tutti invitati. Vi aspetto.


  Leggi Anche ...

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento