ITALIA RISALE 25 POSIZIONI NELLA LIBERTA' DI STAMPA

Al netto delle riflessioni sulla validità di tali classifiche, di cui si da conto in questo ARTICOLO
 , credo sia però un dato interessante il fatto che l’Italia, con tutti i limiti di tale analisi, dal 72° posto del 2014, e al  77° posto del 2016,  sia però passata al 52° dell’ultima rilevazione del
RAPPORTO
  di “Reporter senza frontiere” uscita nei giorni scorsi. 
Di seguito la Tabella con
la classifica completa
  che può essere interessante da visionare.
Colpisce che tra gli elementi di intimidazione e di violenza nei confronti della stampa nel tentativo di condizionarne la funzione sia citato “il comportamento di alcuni politici come Beppe Grillo, del Movimento Cinque Stelle, non esitano a fare pubblicamente i nomi dei cronisti sgraditi. I giornalisti che si sentono sotto pressione da parte dei politici sempre più spesso finiscono per autocensurarsi”, come si può verificare sulla pagina consultabile.

In allegato la carta dei paesi


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento