I HAVE A DREAM: HO UN SOGNO.

Il reverendo Martin Luther King, cinquanta anni fa pronunciava il famoso discorso destinato ad essere scolpito nella Storia.
Quel 28 agosto del 1963, al termine di una marcia di protesta per i diritti civili, quando pronunciò il suo discorso davanti al Lincoln Memorial di Washington, il reverendo aveva pronunciato parole che avrebbero lasciato il segno: «Sono felice di unirmi a voi in questa che passerà alla Storia come la più grande dimostrazione per la libertà nella storia del nostro Paese» disse Luther King.

In quel discorso di 17 minuti il reverendo Martin Luther King aveva condensato la potenza del suo messaggio di difesa dei diritti , affidandolo ai posteri.
Da quel momento la lotta contro il razzismo e la segregazione razziale e più in generale sui diritti civili, non è stata più la stessa.
Hanno trovato nuova forza, nuovi riferimenti e radici, ma soprattutto un simbolo.
Il discorso pronunciato davanti a 250.000 persone è diventato un riferimento forte per chi crede che la politica e l’impegno civico in generale abbiano senso solo se hanno un’anima profonda .

Dopo quel 28 agosto 1963 e dopo la parabola umana del reverendo Martin Luther King, dobbiamo a lui un grande grazie, e in qualche misura cercare di fare in modo che in nostri sogni si collochino nella scia di quel «I have a dream» .

Alleghiamo il testo integrale del discorso


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento