Il PSR PER LA RIVITALIZZAZIONE DELLE BORGATE MONTANE

In Provincia di Cuneo 12 programmi ammessi

La Regione Piemonte dà avvio alla seconda fase della procedura di selezione dei programmi di sviluppo e rivitalizzazione delle borgate montane, riferiti alla misura 322 del Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013. Dodici programmi relativi a borgate montane della Provincia di Cuneo sono risultati ammessi, mentre altri 14 potranno essere ammissibili previo adeguamento del piano urbanistico.
La misura prevede la realizzazione di programmi integrati di intervento che possono comprendere opere di urbanizzazione, recupero di spazi comuni e di edifici, attività culturali e ricreative, servizi all’infanzia, realizzazione di centri polifunzionali, ammodernamento delle aziende, agriturismo ecc.
La prima fase della procedura che porterà alla selezione dei “programmi” oggetto di finanziamento si è conclusa con l’istruttoria dei “programmi di massima” (presentati da parte delle Comunità Montane e dei Comuni nel corso del 2009) e con la successiva adozione di una Deliberazione di Giunta di indirizzi programmatici. Il quadro di dettaglio per la Provincia di Cuneo è il seguente:
- 12 programmi di massima sono stati ritenuti sin d’ora ammissibili. I Comuni interessati saranno invitati a presentare programmi attuativi di maggior dettaglio, che corrispondono a una progettazione di livello preliminare, indicativamente entro settembre 2010. Le risorse finanziarie complessivamente disponibili a livello regionale per questo primo gruppo sono pari a circa 31,5 milioni di euro e saranno assegnate in seguito a ulteriore istruttoria.
- 14 progetti di massima sono stati ritenuti ammissibili solo previo adeguamento degli strumenti urbanistici al Piano per l’Assetto Idrogeologico, requisito al momento mancante, ma non legato al merito del programma o alla definizione di “borgata”. I Comuni interessati saranno oggetto di un invito successivo alla presentazione di programmi di dettaglio, a distanza di un anno dai primi. La dotazione finanziaria a livello regionale sarà di circa 9,4 milioni di euro, cui si aggiungeranno le probabili economie derivanti dal primo invito.
- 2 programmi di massima sono risultati inammissibili.

“Si tratta di una misura fondamentale che può dare nuova vitalità ai nostri territori montani – afferma l’Assessore Mino Taricco – la misura 322 fa infatti parte dell’asse 3 del PSR, destinato appunto a rivitalizzare e sviluppare i territori marginali o con problemi di sviluppo. L’aspetto interessante consiste proprio nel fatto che si tratta di una misura integrata, che permette di comprendere al suo interno diverse tipologie di interventi che vanno dalle opere di urbanizzazione alle attività culturali e turistiche.
Sono felice di poter dire che la Provincia di Cuneo è stata quella che ha avuto il miglior esito in questa fase: numerosi i programmi ammessi al primo invito, e pochissimi quelli esclusi.
La procedura è articolata in più fasi, ma complessivamente la Regione stanzia 41 milioni di euro per salvaguardare, sviluppare e promuovere lo sviluppo delle nostre borgate, un patrimonio vitale per il nostro territorio e la nostra gente, per contrastare lo spopolamento e l’abbandono della montagna, salvaguardare l’ambiente e il paesaggio, tutelare la memoria e la cultura delle nostre valli.”



In allegato l’elenco dei 12 programmi di massima ammessi nel Cuneese


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento