LA REGIONE GARANTISCA IL FUTURO DEL CRAB.

UNA INTERROGAZIONE DI MINO TARICCO Il consigliere regionale PD Mino Taricco ha presentato una interrogazione sul futuro del Centro di riferimento per l’agricoltura biologica, il CRAB, nato nel 2002 e partecipato dalla Regione Piemonte. “E’ una realtà importante”; spiega Taricco, “sviluppa studi e sperimenta nel settore dell’agricoltura biologica, nuove tecniche per contrastare le erbe infestanti, gli insetti fitofagi, gli organismi patogeni, con modalità ecocompatibili, recuperando e valorizzando la biodiversità esistente e mantenendo livelli produttivi economicamente accettabili. In dieci annI è diventato punto di riferimento per tutti gli operatori agricoli che desiderino adottare nel loro lavoro i principi dell’agricoltura biologica e sostenibile”. I successi del centro sono dimostrati “dalla salvaguardia di molte biodiversità, il mondo agricolo ha avuto un maggiore raccordo con il mondo della ricerca, il CRAB ha creato posti di lavoro per giovani ricercatori che hanno costituito un gruppo di lavoro di eccellenza in Piemonte e non solo”. Per tutti questi motivi Mino Taricco esprime la sua preoccupazione sul futuro del centro: “Nel 2012 la Regione e la Provincia di Torino, principali soci del centro, non ne hanno più finanziato le attività, rischiando di provocarne il dissesto finanziario e la possibile, imminente liquidazione. Sono in ballo anche i posti di lavoro dei ricercatori e dei dipendenti. Ho chiesto alla Giunta regionale di impegnarsi per mantenere le risorse al centro e valorizzarne l’attività e i contenuti. Mi sembra una scelta utile, oltre che necessaria”.


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento