LOTTA AI FALSI INVALIDI : POCHI RISULTATI

300mila controlli: “Tanti sforzi pochi risultati”
Una corposa caccia alle streghe ma con scarsi risultati. Negli ultimi due anni l’Inps ha infatti avviato una serie di controlli a tappeto con l’obiettivo di eliminare sprechi e truffe ai danni dell’assistenza sociale e non è un mistero che da questo settore (pensioni di invalidità, accompagnamento etc.) dovrebbero arrivare molte delle risorse previste dalla manovra correttiva di Agosto.

Secondo uno studio pubblicato su Welfare Oggi coordinato da Cristiano Gori, docente di politiche sociali all’Università Cattolica di Milano, la lotta ai ‘falsi invalidi’ non ha raggiunto gli obiettivi sperati: a fronte delle 31.083 provvidenze revocate si è ottenuto una riduzione di spesa – ipotizzando il massimo del risparmio – di circa 70 milioni di euro nel 2009/10 e 100 milioni nel 2011/12. In pratica l’1% della spesa complessiva per le invalidità sostenuta dallo stato che, secondo i dati dell’Inps, ammonta a circa 17 miliardi di euro annui.

Un risultato importante sotto il profilo del contrasto alle truffe ma pagato assai caro – secondo gli autori – “sul piano della percezione sociale della disabilità”. La delega fiscale e assistenziale infatti, prevede un taglio di 4 miliardi di euro nel 2013 e 20 miliardi nel 2014. Una cifra enorme (quasi la metà dell’intero provvedimento) che il Ministero dell’Economia conta di ottenere anche grazie ad una riorganizzazione di tutto il comparto e le cifre circolate nei mesi estivi hanno fatto gridare allo scandalo. “Nell’opinione pubblica – spiega Franco Bomprezzi, giornalista e coautore del dossier – si è consolidata la convinzione che i ‘veri invalidi’ sono solo le persone in situazione di grave bisogno”. Questo ha alimentato una campagna mediatica contro i ‘falsi invalidi’ distogliendo l’attenzione dai tagli in arrivo.

In effetti, dal 2009 i controlli sono aumentati in modo esponenziale e quasi l’11% delle pensioni d’invalidità è stata revocata. La raffica di ricorsi presentati hanno però portato nel 70% dei casi alla restituzione delle cifre sequestrate. Stando a questi dati il fenomeno dei “falsi invalidi” si limita al 3% del totale di tutte le truffe ai danni dell’Inps (3000 accertate). Secondo la guardia di finanza, nei primi sette mesi del 2011 queste hanno causato un danno per le casse dello stato di circa 48 milioni di euro. La stessa cifra che secondo lo studio potrebbe essere ottenuta potenziando ulteriormente i controlli sulle invalidità ma a quale prezzo?

“In questi due anni le associazioni, i patronati, le Asl, gli stessi vertici dell’Inps – si legge nello studio – hanno ricevuto costanti segnalazioni di persone convocate a visita nonostante fossero affette da gravissime patologie irreversibili”. Secondo Gori la campagna avviata dall’Inps ha provocato una “retromarcia culturale che si è tradotta innanzitutto nel consolidamento dello stereotipo della disabilità come costo sociale”.

I tagli previsti dalla manovra potrebbero però assestare un colpo ancora più duro del danno socio-culturale. Dalla riforma assistenziale dovrebbe arrivare una cospicua parte di quei 24 miliardi di risparmi previsti dal governo con la manovra correttiva. Una speranza più che una certezza visto che nella relazione tecnica di accompagnamento viene specificato che “gli effetti finanziari conseguenti all’attuazione della riforma fiscale e assistenziale non sono al momento quantificabili”. In pratica se non si otterranno i risultati sperati potrebbero invece arrivare i tagli lineari.

Secondo il Forum nazionale del terzo settore, ascoltato il 9 dicembre dalla Commissione Affari sociali della Camera, anche in caso di applicazione estrema, la delega produrrà risparmi esigui, non superiori al 7% del totale.

CARLO DI FOGGIA

La versione integrale di questo articolo è disponibile al link . . .. . .. . .. . ..


  Leggi Anche ...

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento