MADE IN ITALY. PD: ETICHETTATURA INGLESE PENALIZZA NOSTRO EXPORT

PRESENTATA UNA RISOLUZIONE PER NON INDURRE I CONSUMATORI AD UNA ERRONEA VALUTAZIONE DI QUALITA'


"Intervenire in sede Ue per verificare la compatibilità del sistema di
etichettatura inglese degli alimenti con la normativa europea e se il
governo britannico abbia rispettato l'obbligo previsto di previa notifica di
modifiche nell'etichettatura, tutelare inoltre l'export agroalimentare del
made in Italy". Lo chiede il deputato Pd Mino Taricco, in una risoluzione
firmata da parlamentari delle commissioni Agricoltura e Affari sociali.
Nella risoluzione Taricco sottolinea che "il dipartimento della Salute
britannico vuole introdurre un nuovo sistema volontario di etichettatura
nutrizionale basato sulla colorazione semaforica (verde-giallo-rosso) del
packaging dei prodotti alimentari". Iniziativa che ha suscitato "forti
preoccupazioni"nell'industria agroalimentare italiana poiché "molti dei
prodotti più rinomati del made in Italy, sulla base del contenuto di sale,
zuccheri e grassi, verrebbero etichettati col bollino rosso inducendo i
consumatori ad una erronea valutazione di qualità e con conseguenti ovvi
danni economici e d'immagine per molte nostre produzioni". Il governo
italiano sulla questione "ha già espresso la propria posizione contraria in
sede europea e- conclude Taricco - la Commissione Ue per la Salute e i
Consumatori sembra voglia verificare che questa misura 'non crei ostacoli
alla libera circolazione dei beni, come previsto dall'art.35.1.g del
Regolamento UE 1169/2011'”.


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento