MILLEPROROGHE: CANCELLATA LA TASSA SUL LICENZIAMENTO

Grazie ad emendamenti a firma di più Deputati,  tra i quali il mio 10.205 , tutti assorbito nell’emendamento a prima firma Cinzia Fontana 1.03 siamo riusciti a togliere una odiosa “tassa sui licenziamenti” che pesava illogicamente  sulle imprese sociali e su quelle dell’edilizia. 
E’ un importante risultato, a cui si sta lavorando da mesi, e che con un mio emendamento 20.55 si era già cercato di far passare a dicembre con la Legge di stabilità.
Nel decreto  ‘milleproroghe’, approvato dalle Commissioni Affari Costituzionali e Bilancio della Camera è stata accolta la proroga a tutto il 2016 della esclusione dalla applicazione del comma 31 della LEGGE 28 giugno 2012, n. 92 , nei casi di :  
“a)  licenziamenti   effettuati   in conseguenza di cambi di appalto, ai quali siano succedute  assunzioni
presso altri datori di lavoro, in attuazione di clausole sociali  che garantiscano la  continuità  occupazionale  prevista  dai  contratti collettivi  nazionali  di  lavoro  stipulati   dalle   organizzazioni sindacali dei lavoratori e dei datori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale; 
b) interruzione di  rapporto  di lavoro a tempo indeterminato, nel settore  delle  costruzioni  edili,
per completamento delle  attività  e  chiusura  del  cantiere",
grazie appunto all’accoglimento di un emendamento a prima firma Fontana che accorpava tutti di contenuto analogo sullo stesso tema, tra cui il mio.
La cosiddetta ‘tassa di licenziamento’ introdotta per finanziare gli ammortizzatori sociali nel 2012 che però finiva per colpire in modo ingiusto soprattutto molte imprese sociali nei cambi appalto nei quali si licenzia e si riassume il personale impiegato nel medesimo appalto,  e per le imprese dell’edilizia, che sarebbero state tenute a questo pagamento ad ogni fine cantiere per completamento dell’opera.
Un passo importante che premia un buon lavoro di squadra.

In allegato l'emendamento 1.03  Fontana, approvato, il mio 1.205 ed i riferimenti normativi 


  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 2
  Vedi allegato 3

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento