MOZIONE SUL TEMA DELL’ETICHETTATURA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI

Sono intervenuto lunedì 9 dicembre, durante i lavori dell’assemblea alla camera dei Deputati, per presentare e illustrare una mozione sul delicato tema dell’etichettatura dei prodotti agroalimentari.


La mozione, di cui sono co-firmatario e che ha come prima firmataria la parlamentare del Pd Colomba Mongiello, ha avuto come obiettivo quello di impegnare il governo a predisporre una maggiore tutela della produzione agroalimentare nazionale e a proteggere, con misure
e provvedimenti specifici, l’autenticità dell’origine e della denominazione del made
in Italy nel medesimo settore. In particolare, la mozione si è concentrata sulla
necessità di intervenire, a livello di Unione Europea, affinché siano esplicitati e
dichiarati il Paese di origine e il luogo di provenienza di prodotti quali, ad
esempio, il latte, i prodotti lattiero-caseari e le carni suine fresche, refrigerate
o congelate. Inoltre, la mozione ha anche richiesto misure maggiormente severe per
tutte le aziende che utilizzano la denominazione made in Italy secondo modalità false
e ingannevoli, per quanto riguarda l’origine e la provenienza dei prodotti
agroalimentari stessi: a questo scopo, essa ha richiesto anche la possibilità di
rendere note le aziende coinvolte in queste pratiche scorrette e illecite.


In Italia ci sono 820 mila aziende che operano nel settore agricolo: esse
rappresentano il 15% delle imprese nazionali, offrendo un servizio di altissima
qualità ai consumatori. Dobbiamo intervenire prontamente, con
provvedimenti chiari e una regolamentazione precisa, per evitare che questo nostro
patrimonio possa essere messo in discussione: senza voler criminalizzare nessuno, è
però necessario porre un freno a quelle aziende che, spesso, ingannano i consumatori,
italiani e stranieri, sulla provenienza e l’origine dei prodotti, spacciando per made
in Italy ciò che in realtà non lo è. Una situazione che, inoltre, si traduce anche in
un ingente danno per l’attività delle numerosissime aziende che hanno invece fatto
della trasparenza e del rispetto delle regole lo strumento per una produzione di
altissima qualità riconosciuta anche oltre i confini del nostro Paese. La mozione va
proprio in questa direzione: tutelare consumatori e produttori dai rischi del falso
made in Italy.

Una questione, quella oggetto della mozione, che aveva già condotto la Coldiretti a
organizzare differenti manifestazioni di protesta organizzate su scala nazionale, dal
presidio al Brennero sino alla manifestazione di fronte al Parlamento della scorsa
settimana.


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento