NORME SULLA CACCIA.

DOPO L’ABROGAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE: A QUALI NORME OCCORRE ORA FARE RIFERIMENTO? UNA INTERROGAZIONE DI MINO TARICCO Quale è, allo stato attuale, il quadro normativo ed amministrativo di riferimento in materia di protezione della fauna selvatica omeoterma e prelievo venatorio nella nostra regione, cui sono tenuti ad attenersi sia i singoli cacciatori, sia gli organi di amministrazione di ATC, CA, AFV e AATV? Lo chiede in una interrogazione il consigliere regionale PD Mino Taricco, dopo che il centrodestra ha abrogato la legge regionale sulla caccia. “Il riferimento alla legge nazionale, infatti, non è l’unico”, spiega Taricco, “ Dopo l’abrogazione, infatti, la Giunta regionale ha approvato una serie di atti amministrativi, in primo luogo due delibere con cui ha modificato alcuni punti delle “Linee guida per la gestione ed il prelievo degli ungulati selvatici e della tipica fauna alpina” e dei “Criteri per l'ammissione dei cacciatori negli ATC e nei CA” “Inoltre”, aggiunge Taricco, “la Giunta ha approvato il calendario venatorio regionale per la stagione 2012/2013, con le relative istruzioni operative, i piani di prelievo della specie capriolo nelle aziende faunistico-venatorie e agri-turistico-venatorie, nonché le disposizioni per l’organizzazione e le modalità di prelievo delle specie degli ungulati selvatici per la medesima stagione venatoria ed i piani di prelievo selettivo della specie capriolo”. “Sono tutti atti assunti sulla base della legge nazionale del 92. Ma con l’abrogazione della legge regionale tutti gli atti adottati dalla Giunta regionale in attuazione di tale legge e della l.r. n. 53/1995 conservano la loro validità ed efficacia. E’ evidente che raccapezzarsi tra tutte queste norme è questione davvero molto complicata”.


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento