NUOVA LEGGE REGIONALE SUI RIFIUTI. LA POSIZIONE DEL PD

Con l'anno nuovo la gestione dei rifiuti in Piemonte rischia di finire nel caos.
L'allarme é stato lanciato stamane dal nostro gruppo regionale PD in molteplici occasioni .
La legge nazionale, prevede lo scioglimento entro dicembre delle Autorità Territoriali che governano il settore, le ATO , e dei Consorzi di gestione .
L’ultima proposta della Giunta, presentata dopo mesi di stallo, ha visto in questi giorni l’avvio del confronto da un paio di settimane in Commissione. Essa prevede la costituzione nella nostra Regione di quattro nuovi organismi , le Conferenza d'ambito (Torino, Cuneo, Asti-Alessandria, Biella-Vercelli-Novara-VCO) , che diventerebbero i veri gestori della programmazione e di tutta la filiera di raccolta , trattamento , conferimento e smaltimento finale .
Questo organismo è contrario allo spirito della legge, in quanto non porterà né risparmi né semplificazione, e renderà ingovernabile la situazione , in quanto in esso saranno rappresentate paritariamente Province e Comuni, ma chiamate a decidere e a gestire tutto insieme con le stesse competenze.
Una situazione che non prelude alla semplificazione e al rafforzamento del sistema , ma che prelude alla insignificanza del ruolo dei comuni in quanto la loro partecipazione , essendo paritaria solo unitariamente , rischia di sfaldarsi con facilità , rendendo debole il loro concorso reale alle decisioni .
Anche il ruolo delle provincie rischia di essere più di delega dei problemi ad un soggetto terzo invece che di effettiva assunzione di responsabilità .
Per questo noi proponiamo , in modo chiaro e trasparente , di delegare alcune competenze alle Province, in particolare quelle sugli impianti di smaltimento, e altrettanto chiaramente , la raccolta dei rifiuti invece dovrebbe essere funzione e responsabilità dei Comuni, e la programmazione frutto della collaborazione
dei due enti, senza altri nuovi enti aggiuntivi.
Questo porterà con sé competenze certe e responsabilità altrettanto certe, senza appesantire il processo decisionale e garantendo una gestione razionale dei due settori, in modo più efficiente.
La nostra proposta raccoglie proprio lo spirito della legge nazionale portando chiarezza tra funzioni e responsabilità, invece di affidare tutto a un organismo unico, pletorico e naturalmente portato alla confusione delle responsabilità tra Province e Comuni , invece di un organismo che rischia di innescare un circuito di deresponsabilizzazione che va nella direzione opposta.
La Giunta continua a negare che la Conferenza dʼambito così come concepita nella proposta sia un nuovo ente , eppure, nel momento in cui questo sarà
chiamata a gestire personale e a fare gare per affidare servizi, non potrà che essere un nuovo ente .
Su un settore come quello della gestione e dello smaltimento dei rifiuti non ci si possono permettere errori .
Speriamo che nelle prossime settimane vi sia lo spazio per costruire qualcosa di buono per il Piemonte.
Anche per questo noi sosteniamo la necessità di allocare le competenze in modo chiaro e distinto tra Province e Comuni.

Mino Taricco

alleghiamo la comparazione delle proposte


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento