NUOVA LEGGE SUI DELITTI AMBIENTALI

Approvata oggi alla Camera la nuova legge “ Introduzione del Titolo VI- bis del libro II del codice penale, in materia di delitti contro l’ambiente”, di cui ero stato tra i firmatari.


Le nuove norme sui delitti ambientali erano attese da molti anni e rappresentano una svolta importante nel perseguimento di coloro che si macchiano di gravi attentati all’ambiente e di deliberato inquinamento dello stesso,  e si sono potute approvare grazie al prezioso lavoro fatto in Commissione.
I nuovi quattro reati introdotti nel codice penale - disastro ambientale, inquinamento ambientale, rifiuti ad alta radioattività e impedimento dei controlli – introducono una riforma importante  che adegua alla situazione attuale un quadro normativo che andava adeguato.


Tra l’altro affrontano anche per la prima volta l’inquinamento dovuto alla introduzione di  Organismi Geneticamente Modificati.  


Ora è necessario che in Senato la approvi a sua volta e che poi sia approvata anche la legge  sulla revisione delle agenzie ambientali per poter combattere l'economia nera che oggi affligge il nostro Paese e sostenere le imprese migliori che rispettano le regole e che si muovono con rispetto per l’ambiente e per il futuro del pianeta.


 


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento