OGM : ADESSO DECIDONO I PAESI E LE REGIONI

E’ stata un decisione di straordinaria importanza quella assunta durante l’estate dalla Unione Europea di rivedere le proprie norme in materia di Organismi Geneticamente Modificati in un ottica di sussidiarietà .
Saranno emanati tre documenti : una Comunicazione sul futuro degli OGM in Europa che darà libertà ai vari Paesi di decidere favorevolmente o meno sulla loro coltivazione , una Raccomandazione che va a sostituire la 2003/226/CE e che modifica le indicazioni sulla coesistenza in modo più restrittivo per evitare contaminazioni e un nuovo Regolamento che modifica la Direttiva 2001/18/CE per dare la possibilità, ai vari Paesi , di ridurre o proibire sui loro territori la possibilità di coltivare una , più o tutte le varietà di OGM .
La precedente normativa prevedeva norme orientate solamente a regolamentare la coesistenza tra produzioni tradizionali , biologiche e geneticamente modificate .
Agli Stati dell’UE non era concesso di vietare le produzioni GM ma solo di regolamentarne la coesistenza con le coltivazioni di tradizionali e biologiche .
Proprio per questo motivo la Regione Piemonte aveva aderito , su mia proposta , appena insediata la Giunta Bresso nel novembre del 2005 , alla “Rete delle Regioni d’Europa OGM –Free” , una Associazione nata con l’obiettivo di ottenere , tra gli altri , dalla UE il riconoscimento del diritto , su questo tema , all’autodeterminazione delle singole Regioni e quindi anche alla possibilità di decidere di non coltivare colture GM .
Il lavoro fatto in questi anni insieme a tanti altri soggetti che avevano a cuore gli stessi obiettivi ha prodotto questo importante risultato .
Questa decisione che porterà a rivedere tutte le norme vigenti e porterà a misure più stringenti per evitare contaminazioni e per tutelare la ricchezza di biodiversità , richiederà ora nuove responsabilità e nuove norme a livello nazionale e regionale .
Sono da sempre convinto che la nostra agricoltura , con le sue tipicità e con il patrimonio di qualità che la caratterizza , non ha bisogno di OGM , semmai ha sempre più bisogno di riscoprire ogni aspetto e ogni modalità di un inserimento sempre più armonico e compatibile dell’agricoltura stessa con l’ambiente e con il territorio .
Inizia ora un lavoro che dovrà vedere , appena formalmente approvate le norme , una grande mobilitazione per fare sì che questa possibilità si trasformi in una scelta di campo forte a tutela della biodiversità e della qualità dei nostri territori , delle nostre produzioni e della nostra vita .

Mino Taricco


  Leggi Anche ...

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento