OLOCAUSTO, L’ORRORE , PER NON DIMENTICARE

Ogni giorno è giusto per ricordare. Ma ci sono giorni nei quali non è solo giusto ma necessario , indispensabile farlo . Oggi, sicuramente è un giorno nel quale siamo tutti chiamati a fare memoria . E questo soprattutto perché in troppi vorrebbero invece dimenticare o quantomeno sminuire e rendere lontano e altro , nel tempo e nello spazio , da noi . Era il 27 gennaio del 1945 quando le truppe sovietiche entrarono ad Auschwitz e scoprirono l’abominio e l’orrore dei campi di concentramento nazisti. Molti tra di essi non sapevano che a casa loro , nel paese del socialismo reale, altri milioni di esseri umani venivano sterminati non dal gas nervino, ma dal freddo siberiano . E anche questo per una visione folle del mondo , del potere , dell’autosufficienza e dell’onnipotenza dell’uomo . Nella Germania nazista uomini, donne e bambini dovevano morire per la purezza della razza. Nella unione sovietica uomini, donne e bambini dovevano morire per costruire e rafforzare un impero. Oggi il mondo commemora i primi, ma non dimentichi i secondi e tutti coloro che purtroppo per la follia dell’uomo sono venuti dopo . Dalla fine della seconda guerra mondiale in troppi hanno subito lo stesso destino : nella lontana Cambogia e nella vicina ex Jugoslavia , in Corea e in tutti i posti dove si è pensato di imporre la propria visione del modo con la forza . I televisori e internet in queste ore ci ripropongono vecchi filmati in bianco nero: sono immagini crudeli di deportazioni, di violenza di assassini. Un investimento per aiutarci a non dimenticare , a non lasciare che smarriamo la consapevolezza di dove l’uomo può arrivare se lascia spazio ai suoi istinti più brutali e se perde di vista il necessario rispetto per la dignità di ogni uomo . Non a caso da quella stagione è nata la Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo che recita .” Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana e dei loro diritti, uguali ed inalienabili, costituisce il fondamento della libertà, della giustizia e della pace nel mondo; Considerato che il disconoscimento e il disprezzo dei diritti umani hanno portato ad atti di barbarie che offendono la coscienza dell'umanità, e che l'avvento di un mondo in cui gli esseri umani godano della libertà di parola e di credo e della libertà dal timore e dal bisogno è stato proclamato come la più alta aspirazione dell'uomo; Considerato che è indispensabile che i diritti umani siano protetti da norme giuridiche, se si vuole evitare che l'uomo sia costretto a ricorrere, come ultima istanza, alla ribellione contro la tirannia e l'oppressione; Considerato che è indispensabile promuovere lo sviluppo di rapporti amichevoli tra le Nazioni; Considerato che i popoli delle Nazioni Unite hanno riaffermato nello Statuto la loro fede nei diritti umani fondamentali, nella dignità e nel valore della persona umana, nell'uguaglianza dei diritti dell'uomo e della donna, ed hanno deciso di promuovere il progresso sociale e un miglior tenore di vita in una maggiore libertà; Considerato che gli Stati membri si sono impegnati a perseguire, in cooperazione con le Nazioni Unite, il rispetto e l'osservanza universale dei diritti umani e delle libertà fondamentali; Considerato che una concezione comune di questi diritti e di questa libertà è della massima importanza per la piena realizzazione di questi impegni “


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento