ORIZZONTE REFERENDUM

Nella Gazzetta Ufficiale del 15 aprile 2016 è stato pubblicato il testo della legge costituzionale, approvato da entrambe le Camere, in seconda deliberazione, a maggioranza assoluta dei componenti,  che si allega.
In base all'art. 138 della Costituzione le leggi di revisione della Costituzione e le altre leggi costituzionali sono sottoposte a referendum popolare quando, entro tre mesi dalla loro pubblicazione, ne facciano domanda un quinto dei membri di una Camera o cinquecentomila elettori o cinque Consigli regionali. La legge sottoposta a referendum non è promulgata, se non è approvata dalla maggioranza dei voti validi. Come parlamentari, come ci si era impegnati a fare, abbiamo firmato e richiesto che si celebrasse il referendum confermativo che presumibilmente sarà nel mese di ottobre. 

Il provvedimento di riforma dispone, in particolare, il superamento dell'attuale sistema di bicameralismo paritario, riformando il Senato che diviene organo di rappresentanza delle istituzioni territoriali; contestualmente, sono oggetto di revisione la disciplina del procedimento legislativo e le previsioni del Titolo V della Parte seconda della Costituzione sulle competenze dello Stato e delle Regioni. Viene altresì disposta la soppressione del CNEL. 

In questi giorni infiamma lo scontro soprattutto sul web sul SI o NO al referendum, con pochissima attenzione al merito della riforma,  la sensazione in vista di ottobre è di un voto che si sta sedimentando per tifoserie, in qualche misura a prescindere da tutto, o di un voto pro o contro Renzi e ciò che egli rappresenta.

Nel mio piccolo nei prossimi mesi vorrei cercare di aiutare a decidere nel merito, facendo lo sforzo di cercare risposta ad alcune domande che ritengo fondamentali in vista dell’appuntamento referendario, e alcune delle questioni cruciali mi pare potrebbero essere le seguenti :
- cosa cambia realmente nella Costituzione 
- al netto di ciò che si poteva fare meglio e dei toni apocalittici, il funzionamento delle Istituzioni dopo la riforma sarà migliore o peggiore di quello attuale 
- quale messaggio a noi stessi ed al mondo invieremo con la scelta che faremo in ottobre sul     referendum
Credo queste siano alcune delle vere questioni in gioco con il referendum, che sarà innanzitutto un bivio cruciale nel quale l’Italia, in modo consapevole  o meno, deciderà dove orientare il suo futuro. Sono sempre stato estremamente rispettoso della responsabilità decisionale dei singoli cittadini, mi permetterò semplicemente di offrire strumenti e stimoli per la comprensione piena e per la riflessione, e cercherò di farlo da oggi.

Di seguito il link al sito della Camera con contenuti e documenti per capire ed approfondire http://www.camera.it/leg17/465?tema=riforme_costituzionali_ed_elettorali
e i link al sito ufficiale Basta un SI ed ad un altro sito utile 
http://www.bastaunsi.it/                         http://www.laretedeisi.it/

In allegato trovate :
- il testo della riforma approvata dalle Camere
- una brevissima sintesi dei contenuti
- un testo a fronte con le modifiche introdotte articolo per articolo
- una scheda di lettura sintetica 
- ed una scheda analitica ed approfondita a cura del Sevizio Studi della Camera dei Deputati   


  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 2
  Vedi allegato 3
  Vedi allegato 4
  Vedi allegato 5

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento