PAGAMENTO DEI DEBITI DELLA PA


 


Il Governo ha approvato il disegno di legge sul pagamento dei debiti della P.A.


Il provvedimento contiene una serie di misure per accelerare il pagamento entro luglio 2014, dei debiti arretrati per altri 68 miliardi di euro, dopo i 22 stanziati nel 2013,  per evitare che simili ritardi nei pagamenti si ripetano in futuro, nonché misure per favorire la cessione dei crediti alle banche.


Le misure pensate per agevolare il pagamento dello stock di debiti accumulato dalle pubbliche amministrazioni prevedono:


-          l’allentamento dei vincoli del patto di stabilità interno delle Regioni e degli enti locali, che in molti casi possiedono risorse che non possono spendere, in modo da consentire il pagamento di debiti di parte capitale al 31 dicembre 2013;


-          l’incremento del Fondo - istituito dal D.L. n. 35/2013 - per assicurare la liquidità per pagamenti dei debiti certi, liquidi ed esigibili, al fine di concedere ulteriori anticipazioni di liquidità agli enti territoriali, consentendo il pagamento da parte delle Regioni e degli enti locali di debiti certi, liquidi ed esigibili maturati alla data del 31 dicembre 2013, sia di parte corrente che di parte capitale;


-          la creazione di un fondo specifico destinato al finanziamento dei debiti degli enti locali nei confronti delle proprie società partecipate, con lo scopo di ridurre i debiti commerciali delle società partecipate stesse;


-          il rifinanziamento del fondo per ripianare i debiti dei Ministeri. Adeguamento dei tempi di pagamento agli standard europei L’intento dichiarato dallo stesso ministro in occasione della presentazione del provvedimento è quello di realizzare un compiuto monitoraggio dei debiti della P.A., in modo da evitare il reiterarsi di ritardi nei pagamenti e da adeguare i tempi italiani agli standard europei.


 


A tal fine il Disegno di Legge prevede, in attesa che entri a pieno regime il sistema di fatturazione elettronica, che creditori e amministrazioni comunichino i dati relativi alle fatture attraverso la piattaforma elettronica per la gestione telematica del rilascio delle certificazioni.


Il provvedimento prevede anche alcuni obblighi a carico delle amministrazioni, quali:


-          la registrazione delle fatture pervenute;


-          la certificazione del credito con risposta (pagare, certificare o rigettare) entro 30 giorni;


-          la redazione di un prospetto con l'importo pagato in ritardo nell'anno, da allegare al bilancio.


 


Il DdL prevede inoltre incentivi legati agli obiettivi di finanza pubblica per chi paga entro i tempi prescritti e il divieto di assunzioni, invece, in caso di mancato rispetto di detti tempi.


 


Per consentire ai creditori di accedere in tempi rapidi a risorse liquide, il Ddl prevede misure per agevolare la cessione dei crediti nei confronti delle PP.AA. alle banche e ad altri intermediari finanziari. In particolare, è prevista la prestazione della garanzia da parte dello Stato sui debiti di parte corrente delle pubbliche amministrazioni al momento della cessione ai suddetti intermediari: i soggetti creditori possono cedere pro-soluto il credito certificato e assistito dalla garanzia dello Stato ad una banca o ad un intermediario finanziario, anche sulla base di apposite convenzioni quadro, ma per tali crediti non possono essere richiesti sconti superiori alla misura massima che sarà determinata con decreto del Ministro dell'economia e delle finanze.


Il DdL prevede che i crediti assistiti dalla garanzia dello Stato ceduti alle banche e agli intermediari finanziari possano essere acquisiti dalla Cassa depositi e prestiti S.p.A. e da istituzioni finanziarie internazionali sulla base di una convenzione quadro con l’Associazione Bancaria Italiana.


 


 


(Fonte http://fiscopiu.it/news/pagamento-dei-debiti-della-pa-le-novit-del-disegno-di-legge )



 



Allegato il testo del Disegno di Legge


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento