PAGINE TRISTI PER UN PAESE STANCO

Come tutti avete saputo nei giorni scorsi il governo italiano ha presentato ai vertici dell’ Unione Europea un documento che definisce le scelte e scandisce i tempi di realizzazione di un pacchetto di riforme finalizzato alla stabilizzazione finanziaria e alla necessità urgente di rilanciare l’economia ormai stagnante.
Che il nostro paese abbia bisogno di riforme e di raggiungere un necessario equilibrio finanziario credo sia , a questo punto , nella consapevolezza e sotto gli occhi di tutti.
Penso di interpretare il pensiero di molti affermando che le strade scelte dal Governo in questi mesi e ribadite con il pacchetto-lettera Bruxelles vanno in una direzione distante da ciò di cui avrebbe bisogno il paese.
Sul piano delle entrate infatti si e’ scelto di aumentare l’IVA e di intervenire con abolizione di detrazioni e con tagli ai servizi e non si e’ neanche presa in considerazione l’ipotesi di una patrimoniale , sia pure con tutte le franchigie del caso , così come si è ignorata la possibilità di una cosiddetta tassa di solidarietà , che avrebbe richiesto , a chi poteva , di sostenere uno sforzo maggiore.
E anche sulla riduzione dei costi della politica , di fatto , ci si e’ fermati alle affermazioni di principio.
In parole povere ancora una volta si fa pagare il conto a chi già ha pagato in questi anni e si lasciano dormire sonni tranquilli ai grandi patrimoni e ai grandi redditi , dichiari o occultati che siano .
Sul piano della liberalizzazione dell’economia invece di intervenire sul contrasto ai monopoli e agli oligopoli , con regole e azioni che sciolgano i veri nodi e superino le vere concentrazioni di rendite di posizione , si interviene invece per rendere più facili i licenziamenti.
Quello annunciato non è infatti un intervento per dare fiato allo sviluppo , ma si tratta invece di un vero e proprio manifesto ideologico.
Per pietà di patria bisognerebbe poi tralasciare il fatto , in qualche modo reso evidente in questi giorni drammatici , che ancora una volta si è tentato , anche in questa occasione , di contrabbandare per necessarie riforme generali , scelte che invece attengono probabilmente a sole vicende personali del premier o dei suoi sodali.
A questo infatti con ogni probabilità risponde l’ipotesi di modifica sulle normative sulle successioni.
Grande è lo sconcerto di fronte ad un simile quadro di scelte e nei prossimi giorni fortissima sarà l’opposizione a questa strategia.
Il 5 novembre a Roma il Partito Democratico rappresenterà in modo plastico lo sdegno del Paese . In tanti dovremo con forza renderlo evidente !

Mino Taricco


  Leggi Anche ...
  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento