PENSIERI E PROPOSTA

Carissimi amici,

seppure oggi si intravedano segni di ripresa economica, è innegabile che il Paese stia ancora attraversando un momento sicuramente non facile, e, soprattutto dopo il Referendum Costituzionale, sono tanti i segni di disorientamento che sembrano palesarsi.
In questi giorni, nelle sedi istituzionali, impazza la discussione sulla data delle elezioni, tema che personalmente non mi appassiona, anche perché credo che in questo caso non sia fondamentale il quando ma il come. La cosa fondamentale è che dalle urne esca un Parlamento in grado di formare una maggioranza che si assuma la responsabilità del futuro del Paese. Per questo serve una legge elettorale che, pur nel nuovo quadro post referendum e alla luce della sentenza della Corte Costituzionale, non rinunci alla governabilità. Credo sia poi fondamentale, al di là delle diverse letture che diamo del presente, non arrestare quel processo di riforme di cui l’Italia ha estremo bisogno. 
Ora più che mai, il confronto sul merito dei problemi, sulle scelte da effettuare per affrontarli, e sulle strade da intraprendere è un'esigenza di tutti, perché tanti saranno gli appuntamenti cui saremo chiamati, e tante le idee utili per poterli affrontare. Per me da quando sono impegnato nelle Istituzioni è fondamentale poter ascoltare consigli e suggerimenti, rispondere a quesiti sull'attività del Parlamento e del Governo, e avere l'opportunità di rendere ragione delle scelte fatte, e di quelle in discussione. 
Per questo negli anni quasi tutte le settimane ho organizzato incontri e serate, e per questo sono a proporre la mia disponibilità per riunioni, incontri nei tempi e nei modi che si potranno organizzare, in piccoli gruppi o in serate più ampie, che siano occasione di dialogo e di confronto aperto su argomenti dell’attualità politica, economica e sociale, appunto per ascoltare, riflettere e provare a chiarire i tanti dubbi che in tante occasioni, a torto o a ragione, ancora sussistono. Spero possano essere una occasione utile.
Per ogni contatto rispondere alla presente mail oppure contattarmi personalmente al 335 5482142 o la mia collaboratrice Claudia Carli sulla mail info@minotariccoinforma.it  o al cellulare 338 1278196.

Un caro saluto.
A presto.
Mino Taricco


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento