POLEMICHE SURREALI SULLA DATA DEL REFERENDUM

La data del referendum costituzionale, che da settimane naturalmente e legittimamente è oggetto di previsioni, inizialmente prima o terza decade di ottobre, e ultimamente i primi giorni o ultime settimane di novembre, non è in questa fase appannaggio del Governo ma della Corte di Cassazione. 
Questo è ciò che prevedono le procedure previste dalla Costituzione e dalla Legge 352 del 1970. 
Alle polemiche strumentali ha risposto il Presidente della Repubblica chiarendo i riferimenti normativi.
Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, durante la cerimonia con la stampa parlamentare per il tradizionale dono del Ventaglio ha voluto precisarlo affermando "Si è parlato di discussioni tra le forze politiche su uno spacchettamento del quesito referendario, va detto che le forze politiche non avrebbero avuto nessun potere a riguardo, come non ne avrebbe avuto il capo dello Stato" continuando “La procedura del referendum è regolata dalla legge e l’iter per la fissazione della sua data può essere avviato soltanto dopo che la Corte di Cassazione avrà comunicato quali sono le richieste ammesse a referendum. La Cassazione, che ha il compito di valutare la loro regolarità, secondo la legge, ha tempo fino al 15 agosto per comunicarlo. Fino a quando non vi sarà questa comunicazione la procedura per fissare la data non può partire
Dopo quella comunicazione il referendum dovrà essere indetto entro sessanta giorni dal Presidente della Repubblica su deliberazione del Consiglio dei Ministri, e dovrà essere fissato tra il 50° ed il 70° giorno successivo alla emanazione del Decreto di indizione.
Le polemiche dei 5Stelle che sono seguite sono semplicemente indice di malafede o di ignoranza delle norme. 
Come molti sanno infatti l’articolo 138 della Costituzione prevede che per ottenere l’indizione del referendum basta che uno dei tre soggetti previsti lo richieda: 
- almeno 5 regioni, 
- almeno il 20% dei deputati o dei senatori, 
- almeno 500.000 elettori. 
I capigruppo della maggioranza alla Camera hanno portato in aprile in Cassazione 237 firme dei deputati della maggioranza, tra cui anche la mia,  per richiedere come avevamo promesso il referendum confermativo sulla riforma costituzionale. 
Anche le opposizioni alla Camera hanno raggiunto il quorum per la richiesta del referendum popolare sulle riforme costituzionali, raccogliendo le firme di 166 deputati. 
Il quorum richiesto era di 126 deputati, pari a 1/5 dell'assemblea di Montecitorio.
Anche il Comitato per il SI ha raggiunto e superato il quorum per la richiesta del referendum da parte dei cittadini arrivando a 580.000 firme, mentre il comitato per il NO non ha raggiunto il numero di firme necessarie fermandosi a 312.000.
Adesso la Corte di Cassazione, secondo la legge, ha tempo fino al 15 agosto per fare le sue  valutazioni e comunicare l’esito. 
Dopo quella comunicazione il referendum dovrà essere indetto entro sessanta giorni dal Presidente della repubblica su deliberazione del Consiglio dei Ministri, e dovrà essere fissato tra il 50° ed il 70° giorno successivo alla emanazione del Decreto di indizione.

In allegato gli articoli 75 e 138 della costituzione e la Legge 352 del 1970 
ed il discorso del Presidente Mattarella


  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 2
  Vedi allegato 3

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento