PRIMO PASSO DELLA DELEGA DEL “JOBS ACT”


Il testo base della Delega del cosiddetto “Jobs Act”, è stato approvato il 18 settembre in commissione Lavoro del Senato. Sta  prendendo corpo in modo compiuto il Jobs Act  che era stato annunciato da  Matteo Renzi      http://www.minotariccoinforma.it/ita/legginews.asp?id=2349


Nei mesi scorsi era già stato approvato il Decreto e poi convertito in Parlamento http://www.minotariccoinforma.it/ita/legginews.asp?id=2421                                        


La discussione in Aula al Senato  inizierà martedì 23 settembre


E’ una legge delega: un documento cioè votato dalle camere che non disciplina nel dettaglio la materia, ma che contiene una serie di principi e criteri direttivi entro i quali il governo è autorizzato a legiferare tramite uno strumento chiamato “decreto legislativo” o anche “decreto delegato”, che entra in vigore dopo l’approvazione dal Consiglio dei ministri che segue un pas­sag­gio consultivo alle com­mis­sioni com­pe­tenti.


L’obiettivo dichiarato del Governo è arrivare a un’approvazione della legge delega entro la fine di ottobre, per poi poter iniziare a scrivere i “decreti delegati” che completeranno la riforma.


Il http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/17/DDLPRES/759870/index.html


disegno della Legge delega sul lavoro si compone di sei articoli.


Il primo riguarda gli ammortizzatori sociali (strumenti di sostegno a chi perde il lavoro);


il secondo il riordino della normativa in materia di servizi per il lavoro e le politiche attive (incentivi per l’occupazione);


il terzo la semplificazione delle procedure e degli adempimenti a carico di cittadini e imprese (a livello amministrativo);


il quarto le tipologie contrattuali;


il quinto la tutela della maternità e le forme di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro;


il sesto parla dei tempi e delle modalità di adozione dei decreti delegati.


L’articolo più delicato è il numero 4, che nel suo testo iniziale parlava «di riordino e semplificazione delle tipologie contrattuali esistenti» e dell’introduzione «eventualmente in via sperimentale, di ulteriori tipologie contrattuali espressamente volte a favorire l’inserimento nel mondo del lavoro, con tutele crescenti per i lavoratori coinvolti» e che nei giorni scorsi è stato però sostituito con l’emendamento del Governo 4.1000 approvato, http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=Emendc&leg=17&id=801408&idoggetto=782119               che tra le altre cose dice:


 


b) previsione, per le nuove assunzioni, del contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti in relazione all’anzianità di servizio;


c) revisione della disciplina delle mansioni, contemperando l’interesse dell’impresa all’utile impiego del personale in caso di processi di riorganizzazione, ristrutturazione o conversione aziendale con l’interesse del lavoratore alla tutela del posto di lavoro, della professionalità e delle condizioni di vita, prevedendo limiti alla modifica dell’inquadramento;


d) revisione della disciplina dei controlli a distanza, tenendo conto dell’evoluzione tecnologica e contemperando le esigenze produttive ed organizzative dell’impresa con la tutela della dignità e della riservatezza del lavoratore.


 


In allegato alcune schede che aiutano a capire meglio le questioni in gioco.



  Leggi Anche ...
  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 2

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento