REFERENDUM CACCIA

Con la sentenza resa pubblica in queste ore, il TAR assegna definitivamente
ai cittadini le decisioni sull’esercizio della caccia in Piemonte, dopo che in
questi mesi la maggioranza che governa la nostra Regione anche su questo
tema si è dimostrata incapace di affrontare la situazione e a trovare una
soluzione politica alle domande poste dai sostenitori del referendum e alle
diverse sensibilità che su questo tema sono presenti in Piemonte.
Nella discussione in Commissione, l’assessore Sacchetto non è stato capace
di fare altro che modificare l’attuale legge non nel senso delle richieste dei
promotori del referendum e degli emendamenti da noi proposti, ma in senso
completamente opposto, aumentando le specie cacciabi l i e
deregolamentando tutta la materia.
Un comportamento irresponsabile, che lo ha portato a bocciare tutte le
nostre proposte che tendevano a trovare una soluzione che legasse la caccia
alle condizioni ambientali e reali in cui si trova la fauna piemontese e
definisse nuove regole in grado da una parte di tutelarne l’esistenza, e
dall’altra di limitarne il sovrannumero là dove avviene.
Sacchetto e Cota hanno scelto di dare voce alle frange più oltranziste dei
cacciatori, nascondendo la testo sotto la sabbia di fronte alle diverse
sentenze che imponevano il referendum. Il risultato non poteva che essere
questo.

Mino Taricco


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento