REFERENDUM E ULIVO : IL SI DI ARTURO PARISI

Al referendum Arturo Parisi, già uno dei più vicini collaboratori di Romano Prodi,  voterà SI
perché riconosce nella riforma “le principali tesi che Romano Prodi propose alla coalizione dell’Ulivo” 
e perché sente “l’eco dell’ambizione di fondo di quel progetto.Fare della nostra democrazia una democrazia che decide e coinvolge direttamente i cittadini nelle scelte di governo e nella scelta di chi lo guida”.
E’ “difficile dimenticare i compromessi che ne sono all’origine o non vederne i limiti e le contraddizioni che è destinata ad aprire”, ma si “manterrebbe almeno aperto quel cammino di ‘cambiamento nella continuità che intensificammo dopo la caduta del muro di Berlino, mentre la vittoria del no ci riporterebbe alla casella di partenza”. 
Altro che riforme alternative,  prima di riuscire a riparlare di riforme passerebbero un altro po’ di decenni,  e intanto quei poteri che vorremmo garantire ad un parlamento già oggi abbondantemente esautorato, continuerebbero a trasferirsi dal governo interno alle forze che ci guidano dall’esterno”.
“E’ vero anche che senza Renzi saremmo probabilmente ancora ai comitati e ai rinvii”, continua Parisi. “ma sarebbe meglio non raccontarla come una impresa di parte e soprattutto come una battaglia nuova”,  sarebbe invece necessario riconoscere i decenni passati come una marcia di approssimazioni incompiute piuttosto che come una serie di tradimenti e cedimenti,  e riconoscere allo stesso tempo le fatiche e i meriti di quanti in questo solco si sono spesi, direi a prescindere dalle loro attuali inclinazioni e approdi”.


In allegato l'intervista di Arturo Parisi e le tesi 4, 8, 10 dell'Ulivo del '95


  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 2

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento