RIFORMA AGENZIE AMBIENTALI

Con 354 voti favorevoli, nessun voto contrario e l'astensione della Lega, la Camera ha approvato in via definitiva la riforma delle agenzie ambientali regionali (le Arpa), affidando all’Istituto di ricerca ambientale (Ispra) un ruolo centrale di coordinamento.
Tra i contenuti più importanti si potranno ora avere controlli ambientali più omogenei, trasparenti ed efficaci su tutto il territorio nazionale e si potrà contrastare meglio l’inquinamento rafforzando allo stesso tempo l'applicazione della Legge sugli ecoreati che si sta rivelando molto efficace.
Con la riforma approvata oggi si potenziano le strutture operative e  si adottano i Livelli essenziali di prestazioni tecniche ambientali  (Lepta) omogenei in tutto il territorio, ossia un parametri di riferimento che vincoleranno le attività delle agenzie il cui raggiungimento verrà definito dall'Ispra mediante uno specifico programma triennale approvato dal ministero dell'Ambiente. Si istituisce, inoltre il  Sistema informativo nazionale ambientale, alimentato dai sistemi informativi regionali, in modo da creare una banca dati di informazioni e di conoscenze preziose a livello nazionale. 
Dopo due legislature nelle quali non si è arrivati al risulato, finalmente  il Disegno di Legge sulle agenzie ambientali è diventato legge  e dopo la Legge sugli ecoreati ed il collegato ambientale, rappresenta un altro importante tassello di una grande attenzione alla salvaguardia ambientale del nostro paese in questa legislatura. 

Di seguito il lin al sito Camera per avere maggiori indformazioni

http://www.camera.it/leg17/522?tema=riforma_del_sistema_delle_agenzie_ambientali

ed in allegato una scheda dei contenuti del provvedimento



 


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento