RIFORMA DELLA RAI

Approvata alla Camera la Riforma della RAI e del servizio pubblico radiotelevisivo, tra le novità introdotte in questo passaggio c’è modifica la procedura di definizione del contratto nazionale di servizio e la modifica della cadenza per il rinnovo di tutti i contratti di servizio, la pubblicità degli stipendi sopra i 200mila euro, compresi quelli dei giornalisti. 

Restano tuttavia esclusi i cachet degli artisti, perché il dato che deve essere conosciuto è un dato aggregato del programma. 

Ridefinita la governance, con il Cda, che passa da 9 a 7 componenti di cui due di nomina governativa, quattro scelti da Camera e Senato e uno dai lavoratori. 

Cambia anche  il ruolo del direttore generale che verrà sostituito dall’amministratore delegato e avrà capacità autonoma di spesa (fino a 10 milioni) e di applicazione del piano industriale. Avrà la responsabilità di nominare i dirigenti e per i direttori di reti e testate avrà bisogno del parere vincolante del Cda.



  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento