RIUNIONE PER LE AZIENDE ALLUVIONATE

Da anni seguo le vicende relative alle aziende rimaste colpite dalla alluvione ’94 che nel 2003 a seguito della emanazione della legge n. 350 il cui articolo 4, comma 90, venivano equiparate alle aziende terremotate della Sicilia del 1990, con possibilità di regolarizzare la loro posizione debitoria per gli anni 1995, 1996 e 1997, riguardante tributi, contributi e premi, versando il 10 per cento degli importi dovuti al netto di interessi e sanzioni.
Già nel 2003 avevo presentato una interrogazione parlamentare per sollecitare il Governo ad attivarsi per evitare che dette aziende potessero essere o costrette a dover restituire quanto già ottenuto o a non vedersi più riconosciuto il diritto alle provvidenze in questione.
In questi anni ho seguito costantemente l’evolversi delle trattative con la commissione UE sia attraverso i Sottosegretari con delega alla materia, sia attraverso la nostra Rappresentanza a Bruxelles. 
Nelle scorse settimane abbiamo avuto prima informazioni informali e bozze di documenti della Commissione che porterebbero a ritenere che e aziende che avevano già ricevuto le agevolazioni previste non siano tenute a restituirle, mentre più critica sarebbe la questione per le aziende cui le stesse non sono ancora state riconosciute, la Decisione della Commissione ha confermato le precedenti notizie.
Nei giorni scorsi abbiamo avuto contezza di una riunione organizzata il 25 settembre dalla Unione Industriale della provincia di Cuneo, per aggiornamenti sulla questione in oggetto.
Da quanto emerso dagli organi di stampa, in detta riunione si sarebbe ipotizzata la richiesta di un intervento governativo, o legislativo, per evitare che le aziende che non hanno ancora potuto ricevere le agevolazioni previste non siano escluse da detta possibilità.
Ho parlato della cosa anche al Governo e in particolare con gli uffici delegati ai rapporti con l’Unione Europea.
Stante la delicatezza della materia, ho voluto sollecitare l’Unione Industriale affinché si facesse promotrice di una riunione allargata a tutti Parlamentari della provincia e a tutti i legali delle aziende interessati e disponibili, in modo tale da poter meglio coordinare in una azione congiunta, per poter raggiungere il miglior percorso e la migliore efficacia possibile.
L’Unione Industriale cui va il mio apprezzamento si è fatta promotrice di una riunione il 30 ottobre e speriamo possa essere occasione di una verifica sulle strade percorribili.

In allegato la interrogazione che avevo presentata nel 2013
la Decisione della Commissione UE
e la convocazione della Unione Industriale.   

E di seguito il link ad una precedente news sul tema


  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 2
  Vedi allegato 3

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento