Ritardi dei pagamenti nei confronti dei consorzi socioassistenziali.

BLOCCATI I PAGAMENTI PER IL SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITA’DEGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI PERCHE’ LA REGIONE NON PAGA I CONSORZI.
UNA INTERROGAZIONE DI MINO TARICCO.

Il consigliere regionale PD Mino Taricco ha presentato una interrogazione per chiedere impegni alla Giunta regionale sui ritardi dei pagamenti della Regione nei confronti dei consorzi socoassistenziali per il sostegno alla domiciliarità degli anziani non autosufficienti.
“Nell’ottobre 2011”, spiega Taricco, “la Giunta regionale ha destinato quasi 30 milioni di euro del Fondo per le non autosufficienze per l’anno 2010 agli enti capofila per l’erogazione di contributi economici a sostegno della domiciliarità in lungo assistenza per anziani ultrassessantacinquenni non autosufficienti, nonché a sostegno della domiciliarità per non autosufficienze in lungo assistenza a favore di anziani e persone con disabilità di età inferiore a 65 anni”.
“Ora alcuni Enti gestori dei servizi socio-assistenziali del Cuneese, in particolare il Consorzio per i Servizi Socio-Assistenziali delle Valli Grana e Maira, la Comunità Montana delle Alpi del Mare, la Comunità Montana Alto Tanaro Cebano Monregalese, nonché il Consorzio Socio-Assistenziale del Cuneese, si troverebbero, ad oggi, in gravi difficoltà in quanto, rispetto alle persone anziane ultra 65enni, é stato loro possibile erogare il relativo contributo solo fino al mese di ottobre, in virtù dell’erogazione dei fondi regionali per il 75% del totale della quota stanziata; per le persone con disabilità di età inferiore ai 65 anni, invece, l’amministrazione regionale non ha ancora provveduto al trasferimento delle risorse stanziate, per cui tali persone non stanno ricevendo alcun contributo già dal mese di febbraio 2012”.
“E’ una situazione di grave danno per le famiglie che si prendono cura a domicilio dei propri cari, anziani e disabili non-autosufficienti. Numerosi di questi nuclei familiari hanno, peraltro, assunto, con regolare contratto di lavoro, personale badante sapendo di poter contare sul contributo economico spettante, e tempestano di richieste di chiarimento gli enti gestori che non hanno possibilità di una risposta positiva, in assenza dei fondi promessi”.
“La Giunta regionale”, conclude Taricco, “ha a nostro giudizio forse sottovalutato le gravi conseguenze che questo ritardo nel trasferimento delle risorse avrebbe generato nei confronti degli enti gestori dei servizi socio-assistenziali, dei beneficiari dei contributi e delle loro famiglie, anche se apprendiamo in queste ore che la prossima settimana la regione dovrebbe saldare agli enti gestori il 2011 con un pagamento di circa 40 milioni di euro.
Una prima boccata di ossigeno che speriamo sia sufficente a tamponare e quanto meno ad evitare la catastrofe in un settore così strategico e fondamentale x la tenuta sociale delle nostre Comunita’.


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento