“SBLOCCHIAMOLI”, CONTRO I BREVETTI SU SEMENTI E FARMACI. A SOSTEGNO DELLA CAMPAGNA INTERNAZIONALE."

Il consigliere regionale PD Mino Taricco ha presentato un ordine del giorno a sostegno della campagna contro i brevetti sui beni comuni (frutta, verdura, farmaci).

“Negli ultimi anni multinazionali dell’agro-industria e della farmaceutica stanno registrando brevetti anche su alcune varietà di frutta, verdura, e sui farmaci con sempre maggior frequenza”, spiega Taricco, che cita la campagna partita contro questa tendenza: “Sblocchiamoli – Cibo, salute e saperi senza brevetti”, è sostenuta e co-finanziata dall’Unione Europea e promossa da un nutrito gruppo di organizzazioni non governative, associazioni e università. L’obiettivo é diffondere consapevolezza sugli effetti che i diritti di proprietà intellettuale – come i brevetti sulle sementi, sui farmaci e sulla biodiversità – hanno sulla nostra vita e di impedire la loro trasformazione da beni comuni, da preservare e di cui godere democraticamente, in beni privatizzati dal monopolio del brevetto e, dunque, acquisibili solo a fronte di lucrose licenze di utilizzo”.

“Tra le richieste dei promotori della Campagna c’è la promozione di campagne di comunicazione per cittadini e medici per costruire una vera “cultura del farmaco equivalente; per quanto riguarda l’agroalimentare, si chiede di tutelare l'agricoltura contadina, le sue attività e i suoi prodotti, sostenendo le reti rurali che si stanno diffondendo anche nel nostro territorio e che il “privilegio dell'agricoltore” di riprodurre i propri semi in azienda venga mantenuto, nel rispetto dei diritti dei contadini”.

“I promotori chiedono inoltre che il piano nazionale per la biodiversità possa essere monitorato e valutato “in corso d'opera” da parte delle Regioni e delle Autorità locali, in dialogo con le reti contadine e la società civile e che tutte le Regioni italiane recepiscano le norme per la tutela legale e paralegale della biodiversità e delle conoscenze tradizionali e locali connesse”.

“Finora”, conclude Taricco, “diversi amministratori Locali in tutta Italia hanno aderito alla Campagna firmando una dichiarazione che li impegna a sostenere le proposte di “Sblocchiamoli” nei propri territori e a fare pressione sugli organi competenti dell’Unione Europea per la difesa dei diritti alla salute, al cibo e alla tutela della biodiversità; è ora che anche la Giunta regionale del Piemonte sostenga le iniziative proposte dalla Campagna “Sblocchiamoli” e intervenga presso il Comitato Europeo delle Regioni perché eserciti pienamente il suo diritto consultivo e di orientamento sul Parlamento europeo e su alcune delle Organizzazioni internazionali responsabili dell’attuale situazione”.


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento