SCHOOL BONUS

Da quest’anno si può sostenere una scuola con una donazione che rientra al 65% con crediti d’imposta. Una misura contenuta ne “La buona scuola”,  che potenzialmente vale 20 milioni di euro. 
Ha un meccanismo analogo a quello del più noto “art bonus”, ed è diventato operativo con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale lo scorso 23 maggio, e per questo è ancora poco conosciuto.
In questi giorni è partita la campagna di comunicazione istituzionale di Miur e della Presidenza del Consiglio dei Ministri http://hubmiur.pubblica.istruzione.it/web/ministero/cs170916   
Lo school bonus è una misura di cui possono avvantaggiarsi sia le persone fisiche sia gli enti non commerciali e i titolari di reddito di impresa. 

Il meccanismo prevede una donazione del cittadino che affluirà ad un apposito fondo del Miur, che poi la stornerà per il 90% alla scuola indicata e per il 10% agli istituti destinatari di erogazioni per cifre inferiori alla media nazionale, un meccanismo di solidarietà per istituti e territori meno ricchi.

Le scuole beneficiarie provvederanno poi a comunicare, sul proprio sito, l’ammontare delle somme ricevute, la loro destinazione ed effettivo utilizzo, un sistema che permetterà di incentivare il sostegno di imprese e persone o famiglie alle scuole del territorio e rafforzerà il legame di queste con le comunità nelle quali sono inserite.

per maggiori informazioni                       www.schoolbonus.gov.it.


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento