SEI MESI PER CREARE LE PREMESSE PER UNA NUOVA EUROPA

Una Europa della crescita e delle opportunità, capace di riscoprire i valori che sono all'origine dello stare insieme, unita e solidale nell'affrontare i problemi comuni a partire da quelli del lavoro, in modo particolare per i più giovani, e dell'immigrazione.


Questo vuole essere il Semestre di Presidenza italiana dell'UE, iniziato il 1 luglio ma simbolicamente aperto con la presentazione del Presidente Renzi del Programma di lavoro davanti al nuovo Parlamento europeo, mercoledì 2 luglio.


In questa singolare coincidenza che vuole l'Italia alla guida dell'Unione nel momento in cui si apre una nuova legislatura europea, per avviare un cambiamento che ha come orizzonte l’intera legislatura europea, pe una rinascimento dell'Europa e dell'Italia.


Un rinascimento che deve recuperare una direzione più politica e meno tecnocratica delle nostre istituzioni, per dare risposte ai problemi e alle esigenze dei cittadini, per dare un senso alle politiche della crescita, contrastando gli inaccettabili livelli di disoccupazione che colpiscono i nostri Paesi, dando peso e importanza non solo ai parametri finanziari,  ma anche e soprattutto ai quei valori fondativi e universali che sono la ricchezza dell'Europa.


Una nuova politica degli investimenti europea nei settori delle infrastrutture, dei trasporti, dell'energia, della ricerca e dell'educazione.


Ricostruire le condizioni per un Mediterraneo che torni ad essere cultura della civiltà e non cimitero dell'Europa grazie a una migliore gestione delle frontiere comuni e ad una maggiore cooperazione con i Paesi di origine e di transito.


Queste sono le priorità che si pone la Presidenza italiana appena avviata, queste sono le risposte che nella nuova Europa vogliamo costruire per realmente 'cambiare verso'.


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento