SPENDING REVIEW IRPEF IRAP

E' stato ubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 24 Aprile il DL 66/2014  riguardante i dettagli del Bonus IRPEF, il taglio IRAP per le aziende, la restituzione dei debiti PA alle imprese, l’incremento delle tasse sulle rendite finanziarie, le misure di Spending Review.


Il decreto prevede anche l'eclusione dal patto di stabilità di inerventi di edilizia scolastica.


 


Ecco, in sintesi, le principali misure previste.


 



Aumento in busta paga


Al comma 1, articolo 1 si prevede l’impegno del governo a rendere strutturale l’aumento con la Legge di Stabilità 2015. L’aumento di 80 euro fissi al mese per i redditi da 8mila a 24mila euro, decresce fino ad azzerarsi a quota 26mila euro. Il bonus consiste in un credito d’imposta di 640 euro da maggio a dicembre. L’aumento va a tutti i dipendenti (anche a termine) e alle seguenti categorie di redditi assimilati:


soci lavoratori delle cooperative,


indennità e compensi percepiti a carico di terzi dai prestatori di lavoro dipendente per incarichi svolti in relazione a tale qualità,


borse di studio e assegni di formazione professionale,


compensi per collaborazioni coordinate e continuative,


remunerazioni dei sacerdoti,


prestazioni pensionistiche erogate da forme di previdenza complementare,


compensi di lavoratori socialmente utili.


Esclusi i pensionati e i dipendenti che guadagnano meno di 8mila euro l’anno (soglia esentasse)


 


Sconto IRAP


Il taglio del cuneo fiscale per le aziende è previsto dall’articolo 2. Si tratta di una rimodulazione delle aliquote, che corrisponde a una riduzione del 10% a regime. Attenzione: per questo 2014, lo sconto parte da maggio, e sarà quindi del 5%. Ecco come cambiano le aliquote e quanto si paga in sede di acconto 2014: 


3,5%, per imprese dal 2015. Per l’acconto 2014, l’aliquota è di 3,75%.


1,7%, per agricoltura e cooperative di piccola pesca. Acconto 2014 all’1,8%.


4,2%, per banche e altri soggetti finanziari. Acconto 2014 al 4,5%.


5,3%, per imprese di assicurazione. Acconto 2014, 5,7%.


3,8%, per imprese titolari di concessioni per la gestione di servizi e opere pubbliche diverse da quelle di costruzione e gestione di autostrade e trafori. Acconto 2014, aliquota al 4%.





Rendite finanziarie e conti bancari


Dall’1 luglio 2014 sale dal 20 al 26% la tassazione sulle rendite finanziarie. Restano esclusi i titoli di Stato tassati al 12,5% e la previdenza complementare (restano all’11%). Aumentano invece  gli interessi su conti correnti e conti deposito. La misura è contenuta nell’articolo 3 del decreto. L’articolo 4 prevede infine l’annunciato aumento dal 12 al 26% dell’imposta sostitutiva dovuta dalle banche per la rivalutazione delle quote della Banca d’Italia: il versamento andrà effettuato in unica soluzione entro il termine per il saldo delle imposte sui redditi per il periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2013.


 


Debiti PA verso le imprese


Ci sono 13 miliardi in più per la restituzione dei crediti certi ed esigibili vantati dalle imprese nei confronti delle pubbliche amministrazioni e ci sono varie misure per eliminare strutturalmente il problema dei ritardi di pagamento: se non rispettano i termini massimi di 90 giorni nel 2014 e 60 giorni a partire dal 2015, non potranno più effettuare alcuna assunzione, nemmeno di collaboratori.


In nome della trasparenza e della semplificazione, le PA dal prossimo 1 luglio dovranno tenere un registro unico delle fatture.


  


Monitoraggio debiti della PA


Viene precisata la normativa in materia di debiti delle pubbliche amministrazioni di cui al DL 35/2013 introducendo, in particolare, specifiche disposizioni concernente la trasparenza nella gestione dei debiti contratti dalle pubbliche amministrazioni.


Viene, altresì, modificato l'articolo 9, comma 3-bis, del DL 185/2008 estendendo, in particolare, l’ambito soggettivo delle amministrazioni tenute alla certificazione dei debiti non estinti e stabilendo che la certificazione debba indicare obbligatoriamente la data prevista dal pagamento.


 


Versamenti in F24


Fra le misure di Spending Review ci sono alcune novità mirate a diminuire i costi della riscossione che interessano anche i contribuenti. Dal prossimo 1 ottobre 2014, i versamenti in F24 che, per effetto delle compensazioni effettuate, hanno saldo finale pari a zero, vanno effettuati esclusivamente attraverso i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate. Se invece il saldo è positivo, si possono utilizzare anche i servizi telematici degli intermediari convenzionati con l’Agenzia delle Entrate.


 


Intervento sulla P.A.


Ci sono tutte le varie misure annunciate, che di fatto serviranno a finanziare il taglio del cuneo fiscale.


Fra le altre :


-          razionalizzazione delle spese della PA per acquistare beni e servizi,


-          limite di 240mila euro per gli stipendi dei manager pubblici (dal primo maggio),


-          nuovi paletti per le consulenze,


-          taglio delle auto blu (massimo cinque per ogni amministrazione centrale) e


-          paletti per altre spese di trasporti (buoni taxi)


 


Edilizia scolastica


Viene disposto, per gli anni 2014 e 2015, l'esclusione dal patto di stabilità interno delle spese sostenute dai Comuni per gli interventi di edilizia scolastica, nel limite massimo di 122 milioni di euro per ciascun anno. I comuni beneficiari dell'esclusione e l'importo dell'esclusione stessa saranno individuati con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri da emanarsi entro il 15 giugno 2014.


Viene disposta – previa verifica dello stato di attuazione dei programmi avviati negli ultimi anni – la riprogrammazione delle risorse non utilizzate e l'assegnazione da parte del CIPE di un importo massimo di 300 milioni di euro, a valere sulla programmazione nazionale 2014-2020 del Fondo per lo sviluppo e la coesione, per gli interventi di edilizia scolastica di cui all'art. 18, comma 8-ter, del decreto-legge n. 69 del 2013.


 


In allegato il testo del Decreto.


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento