SPESE GIUDIZIARIE AI NON ABBIENTI SOTTOPOSTI A SOSTEGNO O TUTELA

Con un’interrogazione parlamentare rivolta il 26 giugno al ministro della Giustizia Andrea Orlando, Mino Taricco, deputato del Pd, ha richiesto che i cittadini non abbienti e sottoposti a tutela, curatela o amministrazione di sostegno possano usufruire del Patrocinio a spese dello Stato e siano così esentati dai pagamenti dei contributi per tutte le istanze da presentarsi al Giudice Tutelare e inerenti alla gestione delle attività relative alla loro condizione sociale: una misura domandata per introdurre agevolazioni economiche e aiuti da parte dello Stato per tutti i cittadini che, a causa della minore età, di disabilità psichiche o fisiche o di anzianità, sono affiancati da un amministratore o un tutore per la tutela dei loro interessi. La richiesta è stata quindi finalizzata a estendere il campo di applicazione dell’istituto del patrocinio, che attualmente è previsto per i cittadini con basso reddito soltanto nel caso di contenziosi civili. L’interrogazione, di cui Taricco è stato primo firmatario, è stata sottoscritta anche dai deputati Pd D’Incecco, Di Stefano, Capone, Rubinato, Famiglietti, Piccione, Oliverio, Amoddio, Magorno, Antezza, Iori, Rotta e Zanin.


Sull’argomento si è così espresso Taricco: “La normativa vigente interviene già in questo ambito, venendo incontro ai bisogni e alle esigenze di specifiche categorie di cittadini: tutti i soggetti che abbiano un reddito lordo annuo inferiore ai 10800 euro, da calcolare su base familiare, hanno diritto al cosiddetto patrocinio a spese dello Stato. Tuttavia, ciò è applicato soltanto nel caso di controversie tra due parti davanti a un giudice: in questo senso, il cittadino non abbiente si vede pagate sia le spese di patrocinio, relative al lavoro del proprio avvocato, sia le spese di giustizia, che contengono imposte, contributi e diritti di copia. Vi è però un vuoto normativo, poiché da tale applicazione rimangono esclusi i procedimenti avanti all’autorità giudiziaria diversi da quelli contenziosi: di conseguenza, un soggetto non abbiente, sottoposto a tutela o amministrazione di sostegno, è costretto a corrispondere, per ogni istanza e autorizzazione davanti al Giudice Tutelare, i bolli ed i contributi richiesti con pesante gravame di spesa. Siamo di fronte a una disparità: da un lato, cittadini non abbienti a cui lo Stato si sostituisce giustamente per il pagamento di spese alle quali essi non potrebbero far fronte, dall’altro cittadini altrettanto non abbienti, e per di più in situazioni sociali particolari e difficili, ai quali invece viene richiesto di contribuire da se stessi ai pagamenti. L’interrogazione ha dunque voluto sollecitare una chiarificazione della normativa vigente, al fine di introdurre un principio di uguaglianza”.

Molti i riferimenti legislativi per la questione trattata dall’intervento parlamentare di Taricco: da un lato, l’attuale normativa che garantisce il Patrocinio risale a un Decreto del 2002,


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento