SUL VOTO

Alcune poche cose sulle elezioni regionali.
Non è vero che il PD sia tornato al 25% o come qualcuno ha scritto in “zona ditta”, lo dicono i numeri, calcolando che vi è stata una significativa riduzione generalizzata dei votanti e che erano elezioni regionali quindi con più liste d’area, il PD è ampiamente oltre il 30%,  vedasi in merito l’articolo di Davide De Luca sul POST http://www.ilpost.it/davidedeluca/2015/06/03/pd-perso-due-milioni-voti/, l’analisi di Stefano Ceccanti  https://stefanoceccanti.wordpress.com/2015/06/03/lanalisi-aggiornata-finale-del-cattaneo-sui-flussi/ e il comunicato dell’Istituto Cattaneo e dell’ SWG che si allegano.
E’ vero a mio giudizio che il PD ha sbagliato alcune candidature e che le divisioni interne e l’andamento un po’ anarchico dei lavori della Camera e del Senato,  dove si ha la sensazione che in troppi si sentano liberi battitori, hanno influito molto sui risultati.
Sulla selezione delle candidature ci sarà da riflettere, anche perché se è vero che le primarie sono un nostro tratto identitario, è anche vero che a questo punto serve una serena riflessione sul come, abbiamo la nostra breve storia lastricata di sconquassi causati dall’uso discutibile questo strumento.
Servirà una riflessione su come il partito è strutturato sul territorio e sul fatto ormai evidente che il cambio di marcia dato al paese a livello nazionale se non si traduce anche in un ripensamento del Partito Democratico a tutti i livelli, soprattutto a quello regionale e provinciale, situazioni come quelle viste in alcune regioni, come ad esempio in Liguria,  sono purtroppo destinate a ripetersi.


  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 2

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento