SVILUPPO PIEMONTE TURISMO E AGROLIMENTARE

LA GIUNTA NON SOLO RINVIA LA FUSIONE, MA CONTINUA AD AFFIDARE INCARICHI ALL’IMA. Come mai la Giunta regionale non ha ancora fuso le società Sviluppo Piemonte Turismo (SPT) e l’Istituto per il marketing dei prodotti agroalimentari del Piemonte (IMA)? Non solo: perché continua ad affidare incarichi all’IMA come se nulla fosse stato deciso? Lo chiede il consigliere regionale PD Mino Taricco in una interrogazione alla Giunta regionale. “LA legge finanziaria 2011”, spiega Taricco, “prevedeva che, a decorrere dal 1° giugno 2012, le società Sviluppo Piemonte Turismo e Istituto per il marketing dei prodotti agroalimentari del Piemonte dessero vita ad un'unica società con scopo sociale e finalità complessive delle stesse e con lo stesso personale di entrambe. A quasi un anno di distanza, nulla è cambiato, non si è neanche investita la Commissione regionale competente del parere previsto per legge”. “Non solo, lo scorso 11 giugno, quindi a scadenza chiaramente superata, la Giunta ha provveduto ad affidare ad IMA l’incarico di indirizzo e coordinamento del progetto “Piemonte enogastronomico in the world”, con l’obiettivo di diffondere la conoscenza della cultura e della cucina dei prodotti enogastronomici tipici della tradizione italiana e, in particolare, della regione Piemonte. Il progetto in questione vede coinvolti diversi attori, tra cui le società londinesi “Soho House” e “Gastronomica”, nonché l’Istituto Superiore “Giolitti” di Mondovì (sede di Dronero)”. “Siamo alla beffa. Mentre la spending review nazionale interviene pesantemente anche sulle società partecipate, un accorpamento votato dal Consiglio regionale oltre un anno fa viene platealmente disatteso. Me ne infischio, sembra dire la Giunta, e faccio come se la legge non ci fosse affidando altri incarichi a una delle due società”. “E’ ora di finirla”; conclude Taricco. “Mi aspetto che al più presto la Giunta regionale blocchi questo genere di incarichi e provveda a definire la fusione delle due società. Lo chiede il Consiglio regionale e anche il buon senso”.


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento