TAGLIA LE ALI ALLE ARMI

Le spese militari saranno trattate alla pari di tutte le altre spese dello Stato e saranno oggetto di un’attenta analisi da parte del Governo . Dunque non sono più intoccabili , si possono anche ridurre senza compromettere la sicurezza del nostro paese. Inaccettabile è comunque la decisione di riconfermare i piani d’acquisto , anche se ridotti , dei nuovi cacciabombardieri F35: una delle più micidiali armi da guerra mai costruite, che costa circa 115 milioni di euro al pezzo. Inaccettabile è farlo mentre si costringono milioni di italiani a fare enormi sacrifici e mancano i soldi per la polizia, la giustizia, la protezione civile, la scuola, la lotta alla povertà e per gli enti locali. Il Governo ha ricevuto i dati dal Ministro e li presenterà al Parlamento e alle forze politiche che hanno innanzitutto la responsabilità di trovare le risposte a queste domande: - a che ci serve comperare queste modernissime armi da guerra? - dove ed in quali occasioni pensiamo di impiegarle? - quanto spenderemo alla fine per comprarle? - quanto per mantenerle? - cosa potremmo fare con gli stessi soldi Il Parlamento dovrà ridisegnare l’intera spesa militare italiana, le Forze armate, gli obiettivi, la struttura, i mezzi. Aderiamo alla giornata di mobilitazione contro gli F-35 "Taglia le ali alle armi”.


  Leggi Anche ...

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento