TARICCO PRESENTA IL BILANCIO DI MANDATO

“Quello che abbiamo cercato di fare in questi cinque anni di governo dell’agricoltura piemontese – ha esordito l’Assessore regionale Mino Taricco, presentando il “bilancio” del suo mandato oggi a Cuneo – è pensare alle persone e alle aziende, cui le istituzioni devono dare risposte nel quadro delle regole in cui possono muoversi.
Vorrei affrontare subito un tema molto sentito oggi, a causa della fortissima crisi che ha colpito tutti i settori: quello dei pagamenti, che riguardano il Programma di Sviluppo Rurale ma anche la PAC, la politica agricola comunitaria. Quando la nostra Giunta si è insediata si è trovata ad affrontare uno scenario delicatissimo, in cui la Regione aveva scelto di dotarsi di un organismo pagatore regionale ma con requisiti che l’Unione Europea non riteneva adeguati. Prendendo in mano la situazione, abbiamo creato Arpea, l’attuale organismo riconosciuto, e abbiamo messo in moto la complessa macchina dei controlli e delle erogazioni, risolvendo tra l’altro tutte le problematiche connesse ai nuovi sistemi di fotogrammetria aerea che oggi si devono utilizzare per verificare le superfici agricole. Dopo mesi e anni di difficoltà, ora sono felice di poter dire che la macchina funziona e che a fine 2009 siamo stati in grado di pagare alle aziende tutti i saldi del 2007 e 2008 e circa il 50% degli acconti 2009. Si tratta, in tre anni, di 1,2 miliardi di euro, che sono fisicamente stati versati alle aziende agricole. Questo ci ha portato a essere tra le prime regioni italiane per quantità di risorse erogate.”

Passando ad analizzare i principali fronti di intervento in questi anni, Taricco ha sottolineato il cambiamento di scenario che si è registrato dal 2006 a oggi, da una fase in cui si riteneva che ci fosse sovrapproduzione di cibo a una crisi violentissima che ha in molti casi capovolto gli equilibri mondiali.
“Credo che in questo contesto così mutato, la nostra agricoltura abbia tre problemi strutturali, su cui occorre intervenire: il ritardo nelle infrastrutture, in particolare quelle irrigue, cruciali per l’agricoltura, l’insufficiente capacità di trasformare e commercializzare sul territorio le materie prime prodotte da noi, una valorizzazione unitaria e forte dei nostri prodotti di qualità.
Su questi fronti siamo intervenuti: la Regione ha fatto in questi anni il più grande investimento nel settore irriguo che si sia mai visto in Piemonte, creando complessivamente investimenti dei consorzi irrigui per oltre 50 milioni di euro. Abbiamo fatto manutenzione ordinaria e straordinaria di canali e opere irrigue, realizzato piccole opere di cui beneficiano piccole produzioni locali (penso per es. ai piccoli frutti) e un fondo di rotazione che permette anche ai consorzi irrigui minori di attivare progetti.
“Sul fronte della trasformazione e commercializzazione – ha proseguito Taricco – abbiamo stanziato 40 milioni di euro su una specifica misura del PSR destinata all’agroindustria, a cui abbiamo affiancato piani di settore per il vino, la frutta e recentemente la carne. Questi bandi premiano chi si impegna nel portare più vicino possibile al consumatore la catena della trasformazione e chi lavora per la massima integrazione della filiera e dei mercati.
Infine l’antico problema della promozione, spesso condotta in modo disorganico da soggetti diversi: abbiamo cercato di creare le condizioni per fare sistema, sia attraverso la nuova legge sui distretti, sia attraverso il nuovo logo e sistema di certificazione “Piemonte AgriQualità”, che sarà un’immagine forte e unitaria con cui il Piemonte agroalimentare si presenterà in Italia e nel mondo.

“Infine – ha concluso l’Assessore – vorrei ricordare le iniziative per la filiera corta, dal sostegno ai mercati dei contadini al finanziamento dei GAS, i gruppi di acquisto solidale, un fenomeno in forte crescita soprattutto nei centri urbani. In entrambi i casi abbiamo voluto favorire quelle forme di rapporto diretto produttore-consumatore che possono dare spazio anche alle piccole produzioni di qualità e che portano d’altro canto il cittadino a conoscere i cibi stagionali e di territorio.”

Cliccando su "Vedi allegato 1" puoi scaricare il seguente documento:
1) Scheda riportante l'anilisi del PSR dopo la verifica dell' health check

Cliccando su "Vedi allegato 2" puoi scaricare il seguente documento:
2) "Un primo bilancio per l’agricoltura cuneese (PSR). Realizzazioni e dati in provincia di Cuneo"

Cliccando su "Vedi allegato 3" puoi scaricare il seguente documento:
3) "Risorse aggiuntive al programma di sviluppo rurale della Regione Piemonte 2007-2013 - SPESA PUBBLICA TOTALE " (file di excel)

Cliccando su "Vedi allegato 4" puoi scaricare il seguente documento:
4) Schema dell'ARPEA riportante i fondi erogati nel 2007-2009

Cliccando su "Vedi allegato 5" puoi scaricare il seguente documento:
5) Scheda riportante le principali richieste che la Regione Piemonte ha più volte sottoposto al Governo, in sede di Commissione politiche agricole e Conferenza Stato-Regioni




  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 2
  Vedi allegato 3
  Vedi allegato 4
  Vedi allegato 5

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento