TARICCO PRIMO FIRMATARIO DELLA RISOLUZIONE CONTRO IL SISTEMA DI ETICHETTATURA BRITANNICO

È il parlamentare cuneese Mino Taricco il primo firmatario della Risoluzione


approvata, nella giornata di mercoledì 23 ottobre, dalle commissioni Salute e


Agricoltura della Camera dei deputati sull’introduzione del nuovo sistema di


etichettatura nutrizionale annunciato dal dipartimento della salute britannico.


 


Tale sistema, proponendo una classificazione dei cibi in “buoni” e “cattivi” tramite


l’applicazione di bollini colorati (rosso, giallo, verde) sulle confezioni dei


prodotti, aveva sollevato molte polemiche e preoccupazioni: da un lato una cattiva


classificazione dei prodotti italiani, etichettati spesso con bollini gialli o rossi,


dall’altro un conseguente calo del loro consumo con effetti negativi sul loro


commercio.



La risoluzione approvata impegna il governo italiano, in primo luogo, a tutelare la


produzione e l’export agroalimentare del Made in Italy, cercando di impedire che tale


nuovo sistema possa rappresentare un danno all’attività delle industrie italiane


attive in questo settore; in secondo luogo, a interrogare la Commissione Europea


sulla compatibilità tra tale sistema di etichettatura e le norme comunitarie e,


infine, a diffondere, tramite campagne informative ed educative anche mirate ai più


giovani, sane abitudini alimentari basate su una dieta equilibrata.



“Vogliamo evitare un grosso rischio per il nostro paese: il mercato britannico è


infatti il quarto nel mondo per l’industria alimentare italiana, e nel 2012 ha avuto


un valore complessivo di 2 miliardi e 250 milioni di euro.  – commenta Taricco-  Un


sistema come quello britannico, la cui introduzione non è stata peraltro nemmeno


notificata all’Unione europea, introduce un metodo scorretto per classificare gli


alimenti, con pessimi effetti sulla nostra produzione: fornendo infatti informazioni


parziali sui valori nutritivi dei cibi, esso non tiene conto della necessità, per una


dieta corretta, di integrare gli alimenti gli uni con gli altri, e va certamente a


discapito di molti prodotti di punta delle nostra industrie, classificati con un


bollino rosso. Questa risoluzione era necessaria e importante, sia per il presente e


il futuro delle nostre aziende, sia per ribadire una corretta educazione


alimentare.”



Secondo il rapporto 2013 della Camera di Commercio di Cuneo, la provincia granda ha


esportato verso il Regno Unito, nel 2012, prodotti alimentari, bevande e tabacco per


un totale di 202.298.237 €: un settore trainante, quello dell’agroalimentare, per il


nostro territorio, i cui interessi devono dunque essere tutelati.


 


  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 2

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento