TUTELA DELLA PESCA

Il comparto della pesca da anni vive una crisi strutturale, causata da elevati costi di produzione, dalla diminuzione della capacità di pesca dovuta a ragioni di sostenibilità ambientale e dalla crisi di mercato. 
Il provvedimento approvato alla Camera contiene misure attese, prevedendo una serie di deleghe al Governo in materia di:
- riordino e aggiornamento della normativa in materia di pesca ed acquacoltura, tramite l’emanazione, entro diciotto mesi, di uno o più decreti legislativi aventi natura di testi unici;
- politiche sociali nel settore della pesca professionale, per garantire agli operatori della pesca, armatori ed imbarcati, l’equo indennizzo o ristoro in caso di sospensione dell’attività di pesca dovuta al fermo biologico o ad altre cause legate alle avversità metereologiche o a ristrutturazioni aziendali;
-  riassetto della normativa nazionale vigente in materia di pesca sportiva e per l’adeguamento alle disposizioni vigenti in ambito europeo; 
-  riordino della normativa in materia di concessioni demaniali per la pesca e l’acquacoltura e di licenze di pesca.

Il testo passa ora all'esame del Senato. 

Inoltre, si prevede l’istituzione del Fondo per lo sviluppo della filiera ittica, con una dotazione finanziaria di 3 milioni di euro per il 2018; si consente agli operatori di utilizzare cassette standard per le specie ittiche individuate con decreto e si stabilisce l’obbligo da parte degli operatori di apporre le informazioni relative ai prodotti della pesca e dell’acquacoltura utilizzando un codice a barre o un QR-code come strumento di identificazione.
Si ripristinano le funzioni della Commissione consultiva centrale della pesca e dell’acquacoltura, si adegua la normativa primaria in materia di pescaturismo ed ittiturismo e si estende ai settori della pesca e dell’acquacoltura l’esenzione dall’imposta di bollo per domande, atti e documentazione finalizzati alla concessione di aiuti comunitari e nazionali e a prestiti agrari di esercizio. Interessante l’introduzione della disciplina della vendita diretta dal pescatore al consumatore finale dei prodotti derivanti dall’esercizio della propria attività, compresi quelli oggetto di manipolazione o trasformazione. 
 
Il Fondo per lo sviluppo della filiera ittica, accogliendo i pareri delle commissioni Trasporti e Bilancio, non è più finanziato con i proventi  derivanti dal pagamento del contributo annuale per l’esercizio della pesca non professionale è finanziato con un’adeguata copertura finanziaria e contestualmente è stata inserita tra le deleghe al Governo l’emanazione di una disciplina specifica riguardante l’esercizio della pesca non professionale
 
La volontà è quella di fornire al settore ittico nel suo complesso un quadro normativo sistematico ed equilibrato, semplificando da un lato gli adempimenti spesso eccessivamente gravosi per le marinerie – pur salvaguardando il delicato equilibrio tra sfruttamento della risorsa e sostenibilità – e strutturando dall’altro l’ampio comparto della pesca non professionale, oggi sostanzialmente deregolamentato.

In allegato una scheda per approfondire 



  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento