UNA COLLABORAZIONE TRA LE FORZE POLITICHE PER L’APPROVAZIONE DEL “MILLEPROROGHE”

La Camera dei Deputati, anche in questa fase di passaggio tra il vecchio e il nuovo Governo, procede con i propri impegni e lavori: il decreto 150/2013, il cosiddetto “milleproroghe”, è stato infatti approvato dall’Aula nella serata di lunedì 17 febbraio con 216 voti favorevoli e 116 contrari. Già approvato dal Senato il 29 gennaio scorso, esso verrà ora nuovamente sottoposto al Senato, per essere definitivamente convertito in legge entro il termine ultimo del 28 febbraio.


Dopo una prima fase di stallo, rallentamenti e rinvii, avvenuta alla fine della scorsa settimana, la Camera ha infatti concluso i lavori grazie ad una collaborazione costruttiva di tutti i gruppi parlamentari.


Il rischio di non riuscire ad approvare il decreto in tempi utili rischiava di pregiudicare le proroghe di molte norme creando seri problemi ad importanti settori della vita economica e sociale del paese.


Un rischio che dovrà però essere evitato anche per gli altri decreti legge in scadenza nei prossimi giorni, data la delicata situazione di passaggio che la vita politica italiana sta vivendo in questo periodo.


Nello specifico, la Legge di conversione del decreto in oggetto,  come noto contiene numerose proroghe di termini in differenti materie, relative a settori dell’amministrazione pubblica e della vita del Paese.


Tra le proroghe più importanti, si devono ricordare quelle che intervengono nei seguenti settori:


-       assunzioni, organizzazione e funzionamento delle Pubbliche amministrazioni;


-       situazioni emergenziali in specifici luoghi d’Italia;


-       la giustizia;


-       il settore dei trasporti e delle infrastrutture;


-       il settore agricolo, alimentare e forestale;


-       il mondo dell’istruzione, dell’università e della ricerca;


-       il lavoro e le politiche sociali;


-       il settore ambientale;


-       i beni culturali e il turismo;


-       il settore della comunicazione;


 


 Mino Taricco


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento