UNA LEGGE PER REGOLARE IL PRESTITO VITALIZIO IPOTECARIO

Con la discussione e il voto della Camera che si sono svolti tra mercoledì 9 e giovedì 10 luglio è stata approvata una proposta di Legge, dei deputati del Pd Marco Causi e Antonio Misiani, sul prestito vitalizio ipotecario.


La norma definisce il prestito vitalizio ipotecario come un finanziamento che le banche, o anche gli intermediari finanziari, possono concedere a persone che abbiano compiuto 60 anni, ricevendo come garanzia un’ipoteca sulla casa dello stesso cittadino che ottiene il prestito. Un istituto, questo, che concede un notevole vantaggio a chi necessita di somme di denaro in prestito dalle banche, poiché lo stesso cittadino, una volta avuto il finanziamento, può comunque rimanere a vivere


all’interno della propria abitazione.


Il debito dovrà poi essere saldato dagli eredi soltanto dopo il decesso del cittadino che aveva ottenuto la somma di denaro. Eredi che, tuttavia, avranno a disposizione una scelta tra diverse soluzioni: essi potranno pagare, mantenendo la proprietà dell’immobile, vendere la stessa abitazione personalmente o lasciare che sia la banca a farlo, permettendole di vedersi restituita la somma dovuta.


Una buona norma, che modifica e perfeziona alcune mancanze dell’istituto del prestito vitalizio ipotecario, già introdotto da un Decreto Legge del 2005, e che mette anche ordine nel campo del credito a individui e famiglie e in quello immobiliare, aumentando le possibilità di accesso al credito di persone che diversamente non sarebbero in molti casi “bancabili”, riducendo gli spazi di insinuazione dell’usura .


 


Il testo della legge ha ricevuto 336 voti favorevoli e 67 contrari, e passa ora all’esame del Senato.


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento