UN ABBRACCIO ALLE COMUNITA' COLPITE ED UN GRAZIE A TUTTI

Abbiamo tutti davanti agli occhi la situazione drammatica che stanno vivendo molte comunità dell’Appennino centrale, colpite da uno sciame sismico che sembra non finire mai, e da una ondata eccezionale di neve e di maltempo.

Nell’esprimere la mia vicinanza a quelle famiglie e a quelle comunità, voglio esprimere anche la mia sincera e calorosa gratitudine a tutti coloro, responsabili ed operatori delle istituzioni e volontari che in queste ore, in questi giorni si sono prodigati per ridurre il disagio causato da questa situazione.

Devo purtroppo anche, per l’ennesima volta, manifestare tutta la mia amarezza per i tanti interventi di sciacallaggio mediatico cui stiamo assistendo in questi giorni ed in queste ore da parte di partiti e movimenti politici, Lega e 5Stelle in testa, per cercare di lucrare qualche decimale di punto di consenso sulla pelle di chi è in una situazione difficile ed in alcuni casi drammatica.

Dai dati forniti dal sistema di Protezione Civile, in queste ore risulterebbero essere quasi 6000 le unità attive sui territori colpiti, tra gli appartenenti alle diverse strutture operative, ai centri di competenza tecnico scientifica e alle aziende erogatrici di servizi essenziali. Oltre a questi e a tutto il personale delle amministrazioni che operano nelle aree interessate dal sisma, sono presenti anche tantissimi operatori delle associazioni di volontariato locale e nazionale arrivati da tutte le regioni.

Sono arrivate  colonne mobili attivate da tantissime Regioni, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Toscana, Valle d’Aosta, Veneto e Provincie autonome di Trento e Bolzano.

Dai dati risulterebbe che i mezzi di soccorsi complessivamente impegnati siano circa tremila.

Sono presenti squadre di Vigili del Fuoco, del Soccorso Alpino e Speleologico, anche delle nostre zone, del 118, della Polizia, dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, unità cinofile, impegnati in uno sforzo corale straordinario.

Se ci sono stati errori od omissioni ci sarà tempo per verificarli, per adesso sosteniamo questo sforzo straordinario, se possibile senza polemiche pretestuose.

Un paese migliore si costruisce anche in questo modo.

Mino Taricco 

in allegato un bell'articolo sul tema di Mattia Feltri


  Vedi allegato 1

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento