UN PAESE DA MODERNIZZARE E NON A PAROLE

Quella che è appena stata avviata è sicuramente una grande azione di modernizzazione del paese . Sicuramente , nella cosidetta fase uno , si sarebbe potuto fare di più sul fronte dell'equità . Sicuramente nella cosidetta seconda fase , quella delle liberalizzazioni , c'è troppo accanimento con i piccoli e troppa poca forza con i forti . Nonostante tutto questo , comunque ciò che è stato fatto va complessivamente nella giusta direzione e fa passi importanti verso una salutare scossa al paese verso una ripresa del cammino . A partire dall’avvio delle azioni volte a superare i limiti della concorrenza e alla liberalizzazione di ampi settori della nostra vita , per arrivare alla terza fase , alle iniziative che stanno per essere varate , finalizzate alla semplificazione di tanti aspetti della nostra vita e di quella delle imprese . Speriamo veramente che quanto trapelato in queste ore non sia stravolto e mortificato nelle prossime ore , se manterra la sua coerenza darà un segnale importante al Paese . Sarà poi sicuramente necessario riprendere in mano il recupero di maggiore equità per quanto concerne il carico impositivo e un maggiore intervento su banche e assicurazioni , grandi petrolieri , class action e poteri forti in generale . Ma la strada è avviata , speriamo veramente che l'Italia sia al sicuro e si sia messa in cammino . Allego -- un interessante commento di Antonio Polito sul Corriere della Sera allegato 1 -- un estratto de La Stampa sulle liberaluizzazioni approvate allegato 2 -- un dossier su Repubblica sulle liberalizzazioni allegato 3 -- un articolo su Repubblica sulle semplificazioni che dovrebbero essere aprovate nei prossimi giorni allegato 4


  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 2
  Vedi allegato 3
  Vedi allegato 4

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento