UN PIEMONTE IN AFFANNO

Il Piemonte non si distingue più come regione virtuosa dal punto di vista occupazionale. Il tasso di disoccupazione è infatti all’8% in linea con la media nazionale (8,3%) dopo aver bruciato oltre due punti di scarto relativi al periodo pre-crisi e dopo aver perso terreno rispetto alla media delle regioni del Nord. Le nuove assunzioni sono invece pressochè tutte assorbite da contratti a tempo determinato E’ quanto risulta dall’indagine congiunturale della sede di Torino della Banca d’Italia presentata dal direttore Marcello Callari e dalla divisione Analisi e ricerca territoriale. “Per raggiungere i livelli toccati prima della crisi del 2007 – ha detto Callari – occorrerà ancora qualche anno”. Dall’analisi emergono segni di ripresa soprattutto per le aziende esportatrici e in particolare per quelle attive nei paesi Bric (Brasile, Russia, India e Cina), una ripresa dei mutui alle famiglie , un tasso di sofferenze costante. Ma sull’occupazione la situazione rimane molto difficile. Nel primo semestre dell'anno l'occupazione in Piemonte e' calata dell'1,2%, mantenendo il ritmo di discesa del 2009 (-1,3%), ma con un'intensita' superiore a quella della delle regioni del Nord (0,8%) e del resto del Paese (0,8%). In particolare arretra l'occupazione maschile (-2,5%), quella nelle costruzioni (-6,3%) e nel commercio (-6,8%), mentre si attenua il calo nell'industria manifatturiera (-0,9%) che gia' pero' aveva subito una contrazione del 5% nei due anni precedenti. Segnali positivi invece nei servizi diversi dal commercio legati appunto all'occupazione femminile (+1,2%). Aumentano del 4,4% le procedure di assunzione (ma rispetto al periodo ante crisi siamo sotto del 20%), e si tratta esclusivamente di assunzioni a tempo determinato. Il tasso di disoccupazione - attualmente all'8% - era al 6,9% nel 2009 e al 4,2% nel 2008 con due punti di scarto sulla media nazionale, ora ridotti a tre decimali. La cig e' aumentata del 21,4% nei primi nove mesi dell'anno, dopo che pero' era gia' quadruplicata nel corso del 2009. Cresce soprattutto la Cassa straordinaria e quella in deroga, e le ore di stop sono equivalenti a 140mila occupati. Infine il credito. Le erogazioni continuano a calare (-2,6% ad agosto) e in particolare nei confronti delle imprese medio grandi (-4,1,%), mentre si assiste a una live ripresa nei confronti delle piccole imprese (+2,4%). Penalizzato soprattutto il manifatturiero (-10,2% rilevato pero' a maggio). Si tratta di una situazione grave, preoccupante. I risultati delle politiche della giunta Cota che abbiamo definito inadeguate per le loro contraddittorietà , saranno vagliato alla prova dei fatti.


  Vedi allegato 1
  Vedi allegato 2

Mino Taricco utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento